Per la prima volta Usa Today si schiera: “Votate, ma non per Donald Trump”

Usa2016
trump

In 34 anni non lo avevano mai fatto, ma stavolta il pericolo gli è sembrato troppo grande

636107742502713528-gty-538708234Donald Trump è “inadeguato per la presidenza”. Questo è il titolo scelto da Usa Today per l’editoriale con cui, per la prima volta nei suoi 34 anni di storia, il quotidiano ha deciso di schierarsi per le elezioni presidenziali statunitensi.

“Abbiamo espresso opinioni sui maggiori temi e non abbiamo supposto di dire ai nostri lettori, che hanno una varietà di priorità e valori, quale scelta fosse meglio per loro. Visto che ogni corsa presidenziale è diversa – si legge nell’editoriale – rivediamo la nostra politica di ‘no-endorsement’ ogni quattro anni. Non abbiamo mai trovato ragioni per modificare il nostro approccio. Finora”.

Quest’anno, la scelta non è tra due capaci candidati che hanno significative differenze ideologiche. Quest’anno, uno dei candidati, il repubblicano Donald Trump, è, per unanime parere dell’Editorial Board, inadeguato per la presidenza“.

“Dal giorno in cui ha annunciato la sua candidatura, 15 mesi fa, fino al primo dibattito presidenziale di questa settimana – si legge ancora – Trump ha dimostrato ripetutamente di non avere il temperamento, il sapere, la fermezza e l’onestà di cui l’America ha bisogno dai suoi presidenti”.

Usa Today non si ferma qui ed elenca, spiegandoli, “i motivi per cui Trump non deve diventare presidente”: “è inaffidabile”, “sprovveduto”, “pieno di pregiudizi”, la sua carriera da imprenditore è fatta di “luci e ombre”, non si mette al livello degli americani, parla “in modo sconsiderato”, ha reso “volgare” il dialogo, è un “bugiardo seriale”.

Il quotidiano ha comunque voluto sottolineare di non dare “sostegno incondizionato” a Hillary Clinton, che ha i “suoi difetti”: “l’Editorial Board non ha trovato il consenso per un endorsement a Clinton”.

“Il nostro consiglio finale per gli elettori è questo: restate fedeli alle vostre convinzioni […] Qualsiasi cosa facciate, comunque, resistete al richiamo di un pericoloso demagogo. Votate, ma non per Donald Trump“.

Vedi anche

Altri articoli