Papa: “In Pakistan crimine vile e insensato”

Terrorismo
Pope Francis delivers the "Urbi et Orbi" (to the city and to the world) message at end of the Easter mass from the balcony of Saint Peter's Basilica overlooking the Saint Peter's square at the Vatican City, 27 March 2016. 
ANSA/L'OSSERVATORE ROMANO
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Le parole di Papa Francesco nel corso del Regina Coeli in piazza San Pietro

Papa Francesco ha invitato i fedeli che che riempiono piazza San Pietro a pregare una Ave Maria per l’attentato di ieri in Pakistan: “La Santa Pasqua – ha detto il Pontefice – è stata insanguinata da un esecrabile attentato che ha fatto strage di tante persone innocenti, per la maggior parte famiglie della minoranza cristiana, specialmente donne e bambini, raccolte in un parco pubblico per trascorrere nella gioia la festività pasquale”.

Poi l’appello alle autorità civili e a tutte le componenti sociali di quella Nazione perché “compiano ogni sforzo per ridare sicurezza e serenità alla popolazione e, in particolare, alle minoranze religiose più vulnerabili. Ripeto ancora una volta – ha aggiunto – che la violenza e l’odio omicida conducono solamente al dolore e alla distruzione; il rispetto e la fraternità sono l’unica via per giungere alla pace”.

“Preghiamo tutti per i morti di questo attentato, per i familiari, per le minoranze cristiane ed etniche di quella nazione”, ha quindi aggiunto ‘a braccio’ prima di recitare con i fedeli un’Ave Maria.

Vedi anche

Altri articoli