Padoan: “Piena fiducia a Bankitalia e Consob. Boschi? Ne uscirà alla grande”

Economia
Il ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan a Napoli, accompagnato dalla sua signora, per il convegno  ''Le politiche di investimento in Europa e in Italia: le imprese, le banche e lo sviluppo del Mezzogiorno''  promosso dalla Fondazione Mezzogiorno Europa alla presenza anche del neo presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, 15 giungo 2015.
ANSA /CIRO FUSCO

Il ministro dell’Economia ai microfoni di Radio Anch’io difende l’operato del governo e annuncia nuove misure

“Le istituzioni sono solidali e forti. Piena fiducia a Bankitalia e Consob”. Così a Radio Anch’io, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan interviene sulla vicenda del salvataggio di CariFerrara, CariChieti, Banca Etruria e Banca delle Marche. “L’attività di vigilanza – ha aggiunto riferendosi proprio alle 4 banche salvate – non è messa in discussione”

Nel suo intervento di questa mattina Padoan ha anche ricordato l’impegno del governo nel trovare una soluzione “per salvare un milione di clienti, un miliardo di depositi e per rimettere in carreggiata le quattro banche e salvare 6.000 posti di lavori” e contemporaneamente per rimborsare i risparmiatori coinvolti nel caso delle obbligazioni subordinate per i quali il governo – ha ricordato Padoan – sta “attivando un meccanismo di arbitrato”.

Il decreto salva-banche è solo il primo passo verso un sistema bancario più robusto. Nonostante Padoan abbia ribadito che il sistema italiano “resta forte e solido”, ha anche annunciato che il “governo prenderà altre misure per velocizzare lo smaltimento delle sofferenze” delle banche, in modo da garantire un futuro “ancora migliore”.

Il ministro dell’Economia non dimentica di citare l’altra collega di governo, la ministra Maria Elena Boschi, che è stata trascinata nella bufera a causa del salvataggio di una delle banche di cui il padre è stato vicepresidente. Per Padoan, il ministro Boschi “uscirà alla grande” da questa vicenda, perché “non ha nulla da nascondere”.

Vedi anche

Altri articoli