Padoan: “La riduzione delle tasse è uno dei pilastri dell’azione del governo”

Fisco
epa04587651 Italian Finance Minister Pier Carlo Padoan attends a hearing by  European Parliament Committee on Economic and Monetary Affairs  in Brussels, Belgium, 27 January 2015. Main topic was the review of the economic governance framework.  EPA/STEPHANIE LECOCQ

Il ministro dell’economia a Radio Anch’io: “Il deficit dell’Italia è sceso e il Pil è tornato a crescere”

“La riduzione delle tasse è, e rimane, uno dei pilastri dell’attività del Governo”. Lo ha ribadito il il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan stamane a Radio anch’io su Radio1. La riduzione del carico fiscale, è il ragionamento del titolare di via XX settembre, può giocare un ruolo determinante per la ripresa, rilanciare i consumi e sostenere la competitività delle aziende.  “Bisogna trovare spazi per questa riduzione – ha assicurato Padoan – e lo faremo trovando le compatibilità di bilancio necessarie”.

Parlando poi dei conti pubblici, Padoan risponde a una domanda sui rimproveri spesso sollevati da autorevoli esponenti dell’establishment della Germania: “Non capisco le critiche, il nostro debito comincia a scendere e, se rallenta, la discesa è da attribuire al calo dell’inflazione”, sottolinea il ministro, ricordando che il deficit dell’Italia è sceso e il Pil è tornato a crescere. “La crescita è aumentata – mette in evidenza – noi siamo in regola e la nostra disciplina fiscale continua. Abbiamo uno dei deficit più bassi dell’Eurozona”.

Commentando poi le parole del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, che aveva giudicato esagerate le preoccupazioni del mercato nei confronti delle banche italiane, Padoan sottolinea: “L’affermazione del governatore Visco è quanto mai esemplare e utile: se una banca chiude quella vicino potrebbe essere infettata. Quando si prendono misure su singole banche non bisogna dimenticare l’impatto sul resto del sistema”

Il titolare di via XX settembre, infine, rispondendo a una domanda sulla flessibilità in uscita affronta il nodo pensioni definendo il nostro sistema previdenziale “uno dei più stabili e sostenibili“. “Lo spazio per migliorarlo c’è, ma senza intaccarne la sostenibilità. Tutte le misure vanno viste nel loro complesso, non singolarmente”.

Vedi anche

Altri articoli