Orlando, sì alle unioni civili

Diritti
Il ministro della Giustizia Andrea Orlando durante la conferenza stampa sui dati di separazioni e divorzi, Roma, 26 Maggio 2015. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il ministro della Giustizia a Repubblica: “Personalmente sono favorevole alle adozioni da parte delle coppie omosessuali”

Andrea Orlano entra nel dibattito sulle unioni civili e lo fa in modo netto con un’intervista al quotidiano “La Repubblica”. Il Guardasigilli si esprime in modo chiaro sostenendo che la legge sulle unioni civili “dev’essere approvata al più presto. Il ddl Cirinnà procede con fatica per le evidenti differenze di posizione che esistono all’interno della maggioranza e delle diverse forze politiche. Ci si accapiglia sui massimi sistemi, si provano a fare anche campagne di propaganda, ma si tralascia di dire – continua Orlano – che l’Italia ha un obbligo giuridico a intervenire su questo tema sulla base di una sentenza della Corte di Strasburgo del 21 luglio 2015. In cui si dice chiaro e tondo che l’attuale assetto normativo non tutela i diritti di una parte dei cittadini italiani. Da qui si deve partire”.

Nel corso dell’intervista il ministro della Giustizia afferma di essere “personalmente favorevole alle adozioni da parte delle coppie omosessuali”, perché è “ragionevole che quando uno dei due partner ha un figlio da un precedente matrimonio, il bambino possa diventare figlio della coppia. Del resto, all’opposto, trovo paradossale l’idea che dopo la morte del genitore naturale quel bambino torni a una comunità piuttosto che vivere con la persona con cui è cresciuto”.

Mentre per quanto riguarda la sentenza del Consiglio di Stato contraria alla registrazione in Italia delle coppie unite all’estero Orlando sostiene che “si è limitato a  sottolineare un dato di fatto, un vuoto normativo c’è e va colmato”.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli