“Ora tocca a noi”. Il primo giorno della Raggi, la prima sindaca di Roma

M5S
Virginia Raggi, Rome mayoral candidate for the anti-establishment Five Star Movement (M5S), reacts at the caucus in Rome, Italy, 19 June 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Il day after per Virginia Raggi è scandito dai festeggiamenti e dai primi impegni politici

Il day after per Virginia Raggi, dopo aver incassato quella che da ogni parte è considerata la vittoria più importante per il M5S, si può dire sia un misto di stupore e consapevolezza.

m5sL’avvocatessa, 37 anni, romana, affacciatasi alla politica da poco più di tre anni con il Movimento Cinquestelle, all’indomani della sua elezione pubblica un post sulla sua pagina Facebook per ringraziare gli elettori che l’hanno votata e assicurare che sarà il sindaco di tutti, “anche di quelli che non mi hanno votata”. “Al di là dei toni aspri e degli attacchi che ho ricevuto – sottolinea Raggi – mi auguro che d’ora in avanti si possa aprire una nuova fase, più costruttiva, attraverso un dibattito onesto con le altre forze politiche centrato sui reali problemi dei cittadini. Roma ha bisogno di questo. È venuto il tempo di lavorare dopo anni di malgoverno. Le cose da fare sono tante e noi siamo pronti!”.

“La prima cosa che sento di dire, che mi viene dal profondo – scrive –  è che finalmente anche Roma avrà un sindaco donna. In un momento storico in cui le pari opportunità sono ancora una chimera considero questa una notizia dal valore straordinario. Il primo segno del profondo cambiamento che stiamo portando in questo Paese”. Poi Raggi rilancia le promesse elettorali con cui ha conquistato la fiducia dei romani: “Lavoreremo per riportare legalità e trasparenza in questa città dopo anni di malgoverno e dopo Mafia Capitale. Lavoreremo per ridare a Roma la bellezza e la dignità che merita. Oggi si apre una nuova era”. L’occasione è buona anche per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: “Infine, non potrei non accennare ai 4 mesi di campagna in cui qualcuno ci ha praticamente fatto una “guerra” senza precedenti. Il punto è che non sono riusciti a fermarci. Segno che siamo più forti e che i romani, soprattutto, sono più forti”.

A condire la giornata della vittoria c’è poi il primo squarcio della vita privata della neosindaco. La lettera del marito Andrea Severini, per celebrare il trionfo grillino nella corsa al Campidoglio “Sei il primo sindaco donna della storia di Roma! Ti rendi conto? – recitano le prime righe della lettera – Quello che ho sempre saputo si è realizzato. Che gioia e che emozione, ho pianto di felicità” con anche il riferimento alla separazione. “Sono 21 anni che ti conosco, ora per noi è un momento difficile è inutile nasconderlo, ma io sarò sempre accanto a te. Cercherò di proteggerti il più possibile anche da lontano”. Grazie!! Non smetterò mai di ringraziarti. Ah, una cosa ancora, mi manchi da morire, tuo marito”. Un tentativo, forse, per tentare di placare gli insaziabili appetiti scandalistici che da sempre si risvegliano voraci nei confronti di personaggi della politica. Figuriamoci per la prima sindaco donna della capitale, ancora poco conosciuta nelle sue molteplici sfaccettature.

La Raggi dopo aver festeggiato nella notte i risultati in un hotel con Beppe Grillo, Davide Casaleggio e numerosi parlamentari M5S,  prevede di incontrare prima di sera i neo consiglieri comunali. Tra le cose messe in agenda nessun appuntamento pubblico, ma risulta un’intervista che verrà rilasciata ad Euronews e che sarà poi tradotta in 13 lingue e trasmessa mercoledì alle 18. Dall’entourage della Raggi spiegano che, come prima intervista, si è scelta la tv Euronews poiché “si ritiene che con il successo elettorale di ieri si sia aperto un nuovo corso che inciderà positivamente non solo su Roma, ma anche sul peso politico dell’Italia in Europa”. Un video che dovrebbe essere trasmesso mercoledì che che darà seguito all’attenzione che l’avvocatessa aveva già stimolato nei media internazionali.

Intanto stasera alle 21 è previsto un festeggiamento per la vittoria presso il Teatro Flaiano, almeno secondo le informazioni che stanno girando tramite un messaggio whatsapp e secondo cui anche il fondatore del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo dovrebbe partecipare.

Sulla giunta pentastellata le ultime informazioni arrivano invece da Roberta Lombardi, fuori dall’hotel Forum, dove insieme al senatore calabrese Nicola Morra ha in programma un incontro con Beppe Grillo:  “Stiamo completando gli ultimi ritocchi e daremo i nomi anche delle persone che avevamo contattato ma avevano chiesto riservatezza”. La vittoria della Raggi non è stata una sorpresa, secondo Lombardi: “Abbiamo lavorato bene – ha commentato – e i cittadini hanno apprezzato. È il risultato che ci aspettavamo”. Lombardi ha spiegato di aver “chattato” con il neosindaco Raggi. “E’ una bella giornata, sono felice come se mi fosse nato il terzo figlio”.

Vedi anche

Altri articoli