Oggi il via a Cop21, scontri a Parigi. Obama: “Uniti per salvare il clima”

Clima
Delegation members walk amongst poles bearing national flags at the front entrance of the COP21 World Climate Change Conference 2015 in Le Bourget, north of Paris, France, 28 November 2015. The 21st Conference of the Parties (COP21) due to be held in Paris from 30 November to 11 December will proceed as planned, despite the terrorist attacks of 13 November. US President Barack Obama, German Chancellor Angela Merkel as well as leaders from India, South Africa and China are among the leaders planning to come. The aim is to reach an international agreement to limit greenhouse gas emissions and curtail climate change.  ANSA/IAN LANGSDON

L’avvio ufficiale della Conferenza Onu alla presenza di 150 leader internazionali. Obiettivo: contenere il surriscaldamento globale

Ci sono anche le scarpe di Papa Francesco in quella distesa che si allarga in place de la Republique. Ci sono quelle di Ban Ki-moon che arriva a Parigi convinto non solo dell’urgenza di un accordo, ma della necessità di rivederlo prima della scadenza prevista del 2020. Una marea di scarpe, come una foto in negativo di quello che sarebbe stato se non ci fosse stato un 13 novembre di sangue e non ci fosse un divieto di manifestare: il segno visibile di un vuoto, di un’assenza che non dimentica l’impegno, una sorta di marcia immobile per ricordare ai leader di 150 Paesi che da oggi aprono ufficialmente i lavori della Conferenza sul clima, Cop 21, che non c’è più tempo.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli