Odissea sulla neve…in Calabria

Community
0140_neve2

Un martedì nevoso che crea disagi ai numerosi automobilisti, fa passare in secondo piano la visita del Presidente della Repubblica Mattarella

Manco a farlo apposta! Il martedì della Calabria da bianco diventa nero in poche ore, è la storia di una dicotomia calabrese. Colpa della neve caduta copiosa su tutto il territorio della regione. Una nevicata intensa, durata ore e ore. Primo atto di un qualcosa di assurdo, di un’odissea che non si dovrebbe neanche immaginare in un paese civile.

Numerosi automobilisti bloccati sulla Salerno-Reggio Calabria, molti bambini. Al gelo, dal pomeriggio fino a notte inoltrata, in condizioni ai limite dell’umano. Un’emergenza grave che assume i contorni dell’assurdo dal momento che da giorni tutti i modelli matematici possibili e immaginabili avevano annunciato che sarebbe stato un martedì particolare (per usare un eufemismo).

Sotto accusa la gestione Anas che, dal canto suo, ha prontamente risposto con un’indagine e col conseguente commissariamento della gestione, ma, onestamente, bastava fare molto molto meno. Bastava fare la cosa più scontata di questo mondo. Bastava sparegere un po’ di sale. Invece il nulla.

Fino a notte inoltrata, quando, finalmente, la circolazione ha ripreso quei connotati di normalità che avrebbe dovuto avere per tutta la giornata.

Sembra quasi un paradosso, o forse è solo il destino di questa terra, ma l’incredibile vicenda è coincisa con l’annuncio della visita del Presidente della Repubblica Mattarella che sarà a Catanzaro il prossimo 30 gennaio  per il taglio del nastro della Cittadella Regionale. Doveva essere la notizia di giornata, è diventata quasi un dettaglio.

La speranza, perché ormai davvero solo a questo ci si può appigliare, è che non succeda mai più.
La realtà è che i calabresi hanno subito l’ennesimo schiaffo e la sensazione è quella di non essere in Italia.

 

 

Vedi anche

Altri articoli