Obama prova a tranquillizzare l’Europa

Usa2016
Barriers surround Zappion Hall, the building which will host the press center for the visit of US president Barack Obama on November 14, 2016. 
Obama  will travel  to Greece and Germany in a final official visit designed, in a strange bit of political contortion, at reassuring worried Europeans about a man he once warned was "unfit" for the presidency: Donald Trump.  / AFP PHOTO / LOUISA GOULIAMAKI

Dopo lo shock di Trump, Obama ad Atene per parlare di democrazia

Il presidente Usa Barack Obama arriva ad Atene, la prima tappa del suo ultimo viaggio all’estero, con l’obiettivo di rassicurare gli europei preoccupati dopo la vittoria a sorpresa di Donald Trump alle elezioni presidenziali.

Il 44esimo presidente degli Stati uniti forse immaginava circostanze diverse per il suo ultimo tour, ma la sconfitta di Hillary Clinton ha messo in questione una serie di intese globali, come quella sul nucleare iraniano o quella sul clima.

Ieri sera in una conferenza stampa a Washington, Obama ha tentato di rassicurare gli alleati e promesso che Trump manterrà l’impegno Usa nella Nato ma non ha nascosto “alcune preoccupazioni, soprattutto sula riforma sanitaria”.

Dopo la tappa greca, Obama sarà in Germania per parlare con la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande e i premier italiano e britannico Matteo Renzi e Theresa May.

Concluderà poi il viaggio in Peru, dove parteciperà al forum dell’Apec, il forum di cooperazione Asia-Pacifico, e dove dovrebbe avere un faccia a faccia con il presidente cinese Xi Jinping.

Domani Obama visiterà il Partenone dove terrà un discorso sulle sfide della globalizzazione, destinato ad avere una certa risonanza dopo gli eventi della scorsa settimana. La questione del debito greco e quella delle centinaia di migliaia di migranti arrivati sule isole greche in fuga dalle guerre in Medio Oriente saranno al centro della prima visita di Obama nel Paese.

Vedi anche

Altri articoli