Obama fa bingo: ecco il nuovo trattato Usa-paesi del Pacifico

Economia
epa04871060 US President Barack Obama delivers remarks outlining his clean power plan, in the East Room of the White House in Washington DC, USA, 03 August 2015. Obama's clean power plan establishes national standards to limit carbon pollution from power plants, aiming to reduce to carbon dioxide emissions by 32 percent from 2005 levels by 2030. The regulation is expected to face legal challenges from Republican lawmakers, with as many as 25 states expected to join in a suit against the rules, according to media reports.  EPA/MICHAEL REYNOLDS

L’obiettivo del Tpp è quello di arginare l’espansione dell’economia cinese

Dopo cinque anni di negoziati, è stato finalmente raggiunto l’accordo commerciale tra gli Stati Uniti e gli undici paesi del Pacifico: Giappone, Canada, Australia, Brunei, Cile, Malaysia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore e Vietnam. Siglata ad Atlanta, dopo nove giorni di intense trattative, la Trans-Pacific Partnership o Tpp, il più grande accordo sul libero scambio, prevede la libera circolazione di alcuni prodotti per favorire lo sviluppo di questi paesi che si affacciano sul Pacifico e per cercare di arginare l’espansione dell’economia cinese.

Secondo Washington, il Tpp stabilirà nuove regole nel commercio internazionale e riequilibrerà la politica estera statunitense nei confronti dell’Asia.

La Trans-Pacific Partnership è una priorità per l’amministrazione Obama che ha affrontato non pochi problemi per raggiungere l’obiettivo: molti rappresentanti del Congresso Usa – anche qualche democratico – si sono infatti opposti all’accordo, portando avanti le richieste dei sindacati e delle associazioni per i diritti umani e l’ambiente che considerano il Tpp un’intesa che favorirà soprattutto per le multinazionali e non i lavoratori statunitensi. Il lavoro della Casa Bianca, però, non può ancora cantare vittoria: il Tpp dovrà ottenere l’approvazione definitiva da parte del Congresso degli Stati Uniti.

Vedi anche

Altri articoli