Nuovo Senato, risparmi per le Regioni fino a 114 milioni di euro

Riforme
Aula del Senato durante il voto finale al decreto sulle riforme costituzionali, Roma 13 Ottobre 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

L’impatto della riforma: dimezzati gli stipendi dei consiglieri regionali

Troppo presto per calcolare, ma non per preoccuparsi. Il nuovo Senato dei Cento avrà forti ricadute anche sulle Regioni, dove qualche inquietudine comincia a serpeggiare. La riforma costituzionale, dai contenuti ormai definitivi, prevede all’articolo 122 che gli emolumenti dei senatori- consiglieri regionali siano contenuti «nel limite di quelli attribuiti ai sindaci dei comuni capoluogo di Regione». Il che implica una drastica sfrobiciata degli stipendi (normalmente monstre) dei consiglieri regionli tout court, dato che ovviamente non si possono avere retribuzioni diversificate alll’interno degli stessi consigli.

Per continuare a leggere, abbonati online.

Vedi anche

Altri articoli