Nuova sfida da Pyongyang: lanciato un razzo a lunga gittata

Esteri
COREA DEL NORD: VERSO NUOVO TEST. OBAMA-XI, UNA PROVOCAZIONE

Convocato d’urgenza il Consiglio di sicurezza dell’Onu, mentre si fa sempre più probabile un aumento della presenza Usa nell’area attorno alla Corea del Nord

Arriva dagli Stati Uniti e da tutto il mondo la condanna alla Corea del Nord dopo il lancio di un razzo per la messa in orbita di un satellite, dopo il quarto test nucleare effettuato da Pyongyang lo scorso 6 gennaio. Un “veicolo di lancio sembra aver raggiunto lo spazio”, ha dichiarato un alto funzionario della Difesa, confermando l’avvenuta immissione in orbita.

Un’azione “destabilizzante e provocatoria” afferma Washington e il segretario di Stato Usa ha stigmatizzato una “flagrante violazione” delle risoluzioni Onu, mentre secondo il premier giapponese Shinzo Abe il gesto di Pyongyang è “assolutamente intollerabile”.

Nel frattempo a New York è stato convocato d’urgenza il Consiglio di sicurezza dell’Onu: il lancio nordcoreano viola varie risoluzioni delle Nazioni Unite e il segretario generale Ban Ki-moon ha “profondamente deplorato” il nuovo passo da parte nordcoreana. La presidente della Corea del Sud, Park Geun-Huye, ha reclamato “misure punitive forti”.

Anche Mosca e Pechino si rammaricano per il lancio del satellite e la Cina invita a “rimanere calmi, agire con cautela ed evitare di intraprendere azioni che potrebbero ulteriormente far salire la tensione nella penisola”, mentre dal ministero degli Esteri russo invita la Corea del Nord a riflettere sul fatto che la “contrapposizione all’intera Comunità internazionale non risponde agli interessi stessi del Paese” e che rappresenta “grande danno” alla sicurezza regionale.

Russia e Cina cercano di abbassare la tensione, ma l’ipotesi più probabile sembra essere un rafforzamento della presenza americana nell’area. I responsabili sudcoreani e statunitensi della Difesa hanno annunciato la decisione di avviare colloqui ufficiali per il dispiegamento nella penisola coreana di un sistema di difesa antimissile statunitense, con l’obiettivo di fronteggiare la minaccia che arriva da Pyongyang.

Vedi anche

Altri articoli