“Nor rispetta la par condicio”, la Regione Liguria sanzionata dall’Agcom

Referendum
Giovanni Toti lascia Palazzo Grazioli dopo l'ufficio di presidenza di Forza Italia convocato da Silvio Berlusconi, Roma, 28 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il 13 ottobre scorso sul portale della Regione Liguria la Giunta Toti aveva pubblicato un articolo sulla costituzione dei Comitati per il No

Che il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, e parte della maggioranza che lo appoggia, sia schierato per il No al Referendum costituzionale è noto. Però la Regione e gli organismi regionali dovrebbero essere neutrali.

Così non è stato, infatti lo scorso 13 ottobre sul portale della Regione Liguria la Giunta Toti aveva pubblicato un articolo sulla costituzione dei Comitati per il No, violando le norme sulla par condicio in vigore per il Referendum costituzionale del 4 dicembre prossimo e dimostrando una scarsa cultura istituzionale. Il sito ufficiale della Regione non può essere utilizzato come uno strumento di propaganda politica.

E’ arrivata oggi la sentenza dell’Agcom, l’Autorità garante per le comunicazioni, a seguito della denuncia presentata il mese scorso dal Gruppo consiliare del Partito Democratico, che ha imposto all’Ente di pubblicare – entro tre giorni e per la durata di cinque giorni – sull’homepage del proprio sito istituzionale un messaggio in cui ammette di non aver rispettato le legge in tema di comunicazione.

Il Pd Liguria attraverso un comunicato si augura che “Toti ottemperi a questa sanzione, altrimenti ne arriverà una pecuniaria e a pagare saranno i liguri. Speriamo che questa vicenda insegni alla Giunta di centrodestra che le regole vanno rispettate”.

Vedi anche

Altri articoli