“Non siamo gay ma ci sposiamo”. Arriva la prima unione civile per “convenienza”

Diritti
matrimonio-gay-640-630x328

Monica Cirinnà commenta ironica “I matrimoni di comodo si sono sempre fatti”. Più critico il Presidente di Equality Italia Aurelio Mancuso

Una scelta fuori dal coro ma dentro ai limiti di legge. La storia è quella di Gianni e Piero, conviventi da anni ma “solo amici”, che hanno deciso di unirsi civilmente sabato prossimo a Schio, nel vicentino. “Non siamo gay” hanno precisato, spiegando che la loro è una scelta di pura convenienza.

Gianni, vicentino di 56 anni, è un musicista; Piero è di origini romane e ha 70 anni. Convivono già da parecchi anni ma la loro non è una relazione amorosa: “Non siamo una coppia, ci prendiamo cura l’uno dell’altro, siamo come fratelli” hanno spiegato in un’intervista.

Allora perchè unirsi civilmente? I due prossimi ‘sposi’ sono convinti che l’unione civile consentirà loro di accedere a diritti che sarebbero loro negati altrimenti e di risolvere problemi pratici. “Ci sono situazioni – spiegano i due amici – in cui non avere un legame riconosciuto crea difficoltà, come le degenze in ospedale, ma anche per piccole cose, il pagamento delle bollette, del canone Rai: prima che venisse messo in bolletta lo addebitavano a entrambi”.

Una scelta di pura convenienza che non scandalizza la ‘madre’ della legge che, per la prima volta in Italia, ha introdotto le unioni tra persone dello stesso sesso, la senatrice del Pd Monica Cirinnà: “Anche una donna può sposare un uomo che non ama, per convenienza. I matrimoni di comodo si sono sempre fatti. Se stavolta a unirsi sono due uomini che non sono uniti affettivamente ma lo fanno per convenienza, penso che comunque la legge consenta la libertà ai cittadini di farlo” commenta.

Più critico Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia e leader storico della comunità omosessuale italiana: “Che due persone eterosessuali dello stesso sesso vogliano fare una unione civile e accedere così anche alla reversibilità delle pensioni, all’eredità e così via lo trovo legittimo e legale ma dal punto di vista morale è una truffa. Non è che si possa utilizzare la norma come si vuole. Liberi di farlo, ma dal punto di vista morale credo siano dei furbacchioni che usano le norme a loro uso e consumo. Io, che ho fatto una lunga battaglia per il riconoscimento delle coppie omosessuali, non dirò mai loro: bravi, bravi”. Mancuso avverte: “Forse non si rendono conto che la legge sulle unioni civili prevede diritti ma anche doveri” e conclude “attenzione a non svilire un istituto come qualcosa che passa come privilegio, la legge non è un eldorado per chi vuol fare il furbo”.

 

Vedi anche

Altri articoli