“Non mi candido a sindaco di Roma”. Finisce il tormentone Marino

Amministrative
Ignazio Marino saluta i suoi sostenitori  in Campidoglio a Roma 25 ottobre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

L’annuncio è arrivato in occasione della presentazione del suo libro: “Aiutatemi a scegliere un candidato all’altezza per Roma”

Dopo infinite parole, polemiche e accuse incrociate, l’ex sindaco di Roma Ignazio Marino ha sciolto la riserva sulla sua eventuale ricandidatura alla guida della Capitale. L’ha fatto in occasione della presentazione pubblica del suo libro ‘Un marziano a Roma’ avvenuta presso la libreria Feltrinelli in via Appia.

Marino si è rivolto così alla folla di sostenitori presenti: “Vi chiedo di scegliere insieme a me un uomo o una donna, che non sia io, e che possa guidare la città di Roma, vincere le elezioni e continuare il cambiamento che io ho avviato. Ho molto riflettuto e penso davvero che il candidato sindaco della Capitale debba avere delle caratteristiche che in questo momento nessuno ha, senza nessun offesa. In questa fase storica, in cui partiti hanno dato il peggio di loro, il candidato deve provenire dalla società civile. Deve essere uno che abbia una professione e decida spontaneamente di mettere anni della sua vita a disposizione di Roma”.

Vedi anche

Altri articoli