Non è la tv, non sono i Soprano’s

Roma
vittorio-casamonica-canta-my-way

Non basta un fiume per mettere in salvo i romani da riti e tradizioni che hanno portato al disfacimento del Sud

C’ è un filmato, tra i tanti che girano in queste ore sulla rete, che spiega come è potuto accadere e perché potrà accadere ancora. Non è quello del carro con il tiro a sei, non quello della folla e delle auto di lusso parcheggiate sul sagrato della chiesa, e nemmeno quella delle imbarazzanti dichiarazioni del parroco. No, è invece quello, più intimo e familiare, che riprende Vittorio Casamonica in tenuta da Soprano’s, con una improbabile cravatta larga una ventina di centimetri attraversata da fasce luccicanti, che canta My Way cercando di imitare la postura di Frank Sinatra.

Tra i suoi amici ce n’è uno che giocherella con un orologio, un Rolex, di oro massiccio e brillanti. In apparenza è gente ricca che si diverte alla buona. In fondo, don Vittorio è zingaro e burino, culturalmente prossimo a quell’Antonio Polese, il “Boss delle cerimonie”, che ha imperversato per una intera stagione televisiva mettendo in mostra, su Real Time, il non plus ultra della cafonaggine matrimoniale e del camorra-style: cocchi dorati, abiti rinascimentali, vasellame simil reale. Impossibile non ridere, nell’uno e nell’altro caso. Il fatto è che, per ragioni imperscrutabili, si tende a credere – a Roma come in certa parte della Campania – che un burino che strappa un sorriso sia sostanzialmente innocuo.

Nei video non c’è traccia di lupare e pistole, di coppole – dritte o storte – nemmeno l’ombra. Non si sente parlare in siciliano, in calabrese, in casalese, in napoletano. Vittorio Casamonica, dunque, è solo la quintessenza dello zingaro ricco: magari ladro, magari strozzino, magari assassino, ma mafioso… ma dai, la mafia è una cosa seria.

Ecco, a Roma la pensano così. Un po’ tutti. La gente comune, poliziotti, carabinieri, finanzieri, pure qualche magistrato, pure la base dei partiti. I commercianti che pagano il pizzo no, ma in fondo in fondo don Vittorio Casamonica e i suoi figli e nipoti e cugini, ha garantito a molti liquidità di cassa, recupero di crediti altrimenti inesigibili, un minimo di tranquillità sociale in quella suburra che va dalla Romanina a Ostia, anche questa in mano agli zingari.

Ora, se l’invisibile Matteo Messina Denaro concede le stesse cose in Sicilia non c’è dubbio che stia esercitando il suo ruolo di capomafia; se nell’agro aversano Antonio Iovine e Michele Zagaria, silenziosi e vestiti con la sobria eleganza dei ricchi di lungo corso, taglieggiavano e assicuravano pace sociale, senza dubbio erano capicamorra.

Nella Roma caciarona e superficiale si vorrebbe, invece, che i nuovi mafiosi avessero più stile, fossero lombrosianamente riconoscibili per consentire a chi non ha (e non ha tanta voglia di sapere) di capire al volo. Prendiamo il parroco della chiesa di San Giovanni Bosco. Non è arrivato all’impudenza del collega di Oppio Mamertina, che un anno fa minacciò dal pulpito i giornalisti che avevano ripreso l’inchino della Madonna davanti alla casa del capomafia, ma è sulla buona strada. Lui, don Giancarlo Manieri, non sapeva che il morto fosse un delinquente (non legge i giornali, evidentemente), non ha visto e non ha sentito: non le gigantografie di don Vittorio affisse sul sagrato, non le scritte blasfeme (ma come dovrebbe conquistarlo, il vecchio Casamonica, il paradiso? con due minacce, con mazzette di denaro? ), non i petali di rose, non le pale dell’elicottero che volteggiava sulla sua testa, non le musiche de “Il padrino”. Il carro funebre sì, quello lo ha visto. Lui non ha visto e non ha sentito, e con lui chierichetti, aiutanti, fedeli di passaggio. Lo so, è una illazione, ma sospetto che i parenti del defunto abbiano lasciato nella cassetta delle elemosine un’offerta degna del suo rango mafioso: in fondo, una piccola scorciatoia già battuta per diventare re di Roma e che potrebbe funzionare per la scalata dei Cieli. Secoli fa si chiamava vendita delle indulgenze.

A sud del Garigliano storie così sono storie di vita quotidiana. Funerali come quello di Vittorio Casamonica non se ne vedono più da almeno vent’anni (vietati dai questori per ragioni di ordine pubblico) ma le processioni con gli ossequi ai boss resistono al tempo e alle polemiche, in Calabria e in Campania soprattutto. La festa patronale, per esempio, in paesi ad alta densità mafiosa continua a essere il luogo privilegiato per l’esercizio del potere e per la ricerca del consenso. Prendiamo le gare dei “Gigli” (a Barra, Nola, Crispano): i capizona partecipano direttamente alle gare, finanziando la costruzione dei carri e accaparrandosi le migliori paranze di accollatori (gli uomini che portano a spalla le gigantesche macchine da festa). L’esercizio del potere, appunto. Potere tirannico che assicura al popolino la festa, la farina e la forca. Potere mafioso che ha bisogno di simboli riconoscibili da tutti: in tempo di pace, non le armi ma l’ostentazione della ricchezza che si può ottenere entrando a far parte della stessa congregazione. I funerali, che per la Chiesa sono la Passione di ogni cristiano e che per questo, come nei riti pasquali, devono essere sobri, sono il momento di massima espressione di quel potere, con la chiamata alla partecipazione di quanti devono ossequio al defunto. Nei paesi del Mezzogiorno la morte del boss era accompagnata, sempre, dalla serrata dei negozi, obbligati a chiudere “per lutto”. E i sacerdoti che vietavano le celebrazioni solenni venivano puntualmente minacciati. Molti facevano buon viso, e accettavano l’offerta in denaro. Altri, ancora oggi, aderivano, compiaciuti o rassegnati: è il caso del parroco di Oppido Mamertina ma anche, per esempio, del viceparroco di San Cipriano d’Aversa che, una decina di anni fa, quando don Pino Puglisi e don Peppe Diana erano stati già uccisi da un pezzo, aveva benedetto una sala oratoriale intitolata a un noto riciclatore del clan dei Casalesi. La scusa? Che il morto era stato un benefattore. Storie di mafia? Storie di mafia, certo, ma senza confini territoriali: non basta un fiume per mettere in salvo i romani da riti e tradizioni che hanno portato al disfacimento del Sud. E non serve liquidare il tutto come folclore da zingari. Però mettiamoci d’accordo: se l’ostentazione arcaica del potere mafioso attraverso i fasti di un funerale è solo folclore, se si grida allo scandalo se un professionista viene condannato per mafia e assolti, invece, i boss che con lui erano imputati; se fa ridere la mafia di ieri e non si riconosco i tratti di quella di oggi, non è che per caso, oggi più di ieri, c’è diffuso bisogno di mafia?

Vedi anche

Altri articoli