Netflix ora punta sui doc, il primo in arrivo è su Amanda Knox

Serial
amanda knox

Verrà presentato a Toronto e nasce una partnership tra la piattaforma e DiCaprio

Netflix adesso punta anche sui documentari e userà la vetrina del Toronto International Film Festival – che si terrà dall’8 al 18 settembre – per presentare quattro produzioni nuove di zecca. Il primo si intitola Amanda Knox, e sarà disponibile sulla piattaforma a partire dal 30 settembre. Diretto da Rod Blackhurst (Here Alone, vincitore del Tribeca Audience Award) e Brian McGinn (Chef ’s Table, vincitore dell’IDA Award) e prodotto da Mette Heide (India’s Daughter, Vincitore del Peabody Award) il doc ricostruirà la drammatica vicenda dell’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa londinese uccisa a Perugia il primo novembre del 2007.

Un caso che ha avuto una eco internazionale anche per la nazionalità della vittima e della principale accusata, l’americana Amanda Knox, poi assolta dalla Suprema Corte. Non è la prima volta che il delitto di Perugia titilla la fantasia dei registi: in principio fu Amanda Knox: Murder on Trial in Italy, film per la televisione del 2011 diretto da Robert Dornhelm e trasmesso dal canale statunitense Lifetime.

Al film seguì un lungometraggio, Beyond the Headlines: Amanda Knox, che analizza il sistema legale italiano, con i punti di vista dei genitori di Amanda, dei suoi amici, degli investigatori, dei pubblici ministeri e degli studiosi del diritto (poi rilanciato in Italia da Canale 5) che suscitò non poche polemiche tra i familiari di Meredith e i legali della famiglia Kercher. Ora ci risiamo, dunque, con la sinossi che ripropone il dubbio : «Una spietata psicopatica che ha assassinato la sua compagna di stanza o un’ingenua studentessa straniera intrappolata in un incubo senza fine?». Gli altri doc di Netflix a Toronto sono Into the Inferno (lo vedremo il 28 Ottobre) e vede Werner Herzog in compagnia del vulcanologo Clive Oppenheimer in un viaggio per esplorare alcuni dei vulcani più leggendari del mondo in Indonesia, Etiopia, Islanda e Corea del Nord.

Altro prodotto di livello sembra essere The Ivory Game (dal 4 novembre) diretto dal Richard Ladkani e Kief Davidson – è stato girato dai due registi sotto copertura per 16 mesi, nella speranza di carpire i segreti più infimi e oscuri del traffico d’avorio, seguendo i bracconieri alla ricerca dell’oro bianco. Infine, The White Helmets (dal 16 settembre) è ambientato in Siria e in Turchia all’inizio del 2016 con protagonisti tre soccorritori volontari. Extra Toronto invece è Virunga che segna anche la collaborazione tra Netflix e la Appian Way Productions di Leonardo DiCaprio: la storia di un team di Ranger durante i loro sforzi quotidiani per proteggere i gorilla di montagna in Africa

Vedi anche

Altri articoli