Muraro sbugiardata, è indagata e anche Raggi lo sapeva

Roma
ANSA/ANGELO CARCONI

L’assessora all’ambiente della giunta Raggi è indagata dal 21 aprile 2016. E lei ne era a conoscenza fin dal 18 luglio. E la Raggi? E Di Maio? E Grillo?

Clamorosa svolta in quello che ormai a tutti gli effetti è il caso-Muraro: l’assessora all’ambiente della giunta Raggi è indagata dal 21 aprile 2016. E lei ne era a conoscenza fin dal 18 luglio.

Lo ha ammesso lei stessa davanti alla commissione parlamentare sulle ecomafie, dove si è presentata insieme alla sindaca di Roma. La circostanza era già stata anticipata nella comunicazione trasmessa dai magistrati ai membri della commissione.

Dunque, la Muraro sapeva di essere indagata pochissimi giorni dopo la nascita della giunta Raggi, anche se lo ha negato fino a ieri.

E la Raggi sapeva anche lei: lo ha ammesso, incalzata dalle domande dei commissari. “Ma erano contestazioni generiche”, ha detto la sindaca.

E certo: gli avvisi di garanzia non sono tutti uguali?

Che dirà ora Di Maio? E Grillo?

Era forse questa circostanza a cui si riferiva Paola Taverna quando si lasciò scappare la frase – ascoltata da Claudia Fusani dell’Unità – che sarebbero scoppiati presto “casini”?

Malgrado tutto questo, non si capisce come l’avvocato Salvatore Sciullo, legale della Muraro, abbia potuto precisare che “noi non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione giudiziaria. Ma siamo a disposizione della magistratura e siamo pronti a consegnare ai pm i due faldoni che la Muraro presenterà in commissione Ecomafie”.

Ovviamente le prime reazioni delle opposizioni sono durissime: “Paola Muraro ha mentito. Sapeva da tempo di essere indagata e ha continuato, con sangue freddo, a sostenere di non sapere nulla di indagini della procura nei suoi confronti”, ha dichiarato Stella Bianchi, deputata e componente Pd nella Commissione sul Ciclo dei rifiuti. Il senatore Fi Francesco Giro dice: “Fuori dalle stanze del Campidoglio gente indagata per reati ambientali gravissimi. Muraro se ne vada via subito. Fuori !”.

Su Twitter il senatore pd Stefano Esposito scrive: “Muraro in commissione ecomafie: sapevo di essere indagata da luglio. Quindi ieri suo legale ha mentito. Raggi sapeva? #bastabugiea5s”.

Alessia Morani, vicepresidente del gruppo pd alla camera, sempre su Twitter ha scritto: “Muraro ha ammesso che sapeva di essere indagata dal 18 luglio. Fino ad oggi ha sempre negato. Raggi sapeva?”.

Sembra di sì, Virginia Raggi sapeva.

Vedi anche

Altri articoli