Primarie, Milano sceglie Sala: “Ha vinto la città”. Il racconto della due giorni

Milano
image

Sabato 6 e domenica 7 febbraio 60.900 milanesi si sono recati i seggi e hanno fornito una grande prova di democrazia. Noi abbiamo provato a raccontare quello che è successo

DOMENICA 7 FEBBRAIO

Le prime parole di Sala: “Ha vinto Milano”

 

Beppe Sala ha vinto le primarie del centrosinistra a Milano. Ecco le sue prime parole da candidato che abbiamo registrato mentre usciva dal suo comitato per recarsi al teatro Elfo Puccini per la proclamazione: “Ha vinto Milano, sono state primarie bellissime. Ora mettiamoci tutti al lavoro, con Balzani e Majorino ci sarà collaborazione”. Guarda il video

 

Ore 23,05Beppe Sala è stato proclamato vincitore della primarie del centrosinistra e correrà per la carica di sindaco di Milano

Ore 23,01 – “E’ stato un risultato positivo, sono contento di come è andata Francesca Balzani e complimenti a Sala per il suo successo”. Così il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha commentato il risultato delle primarie. “Con un elettorato che dà un forte segnale a sinistra non può non esserci continuità – ha concluso -. Sono state primarie partecipate e combattive. Il sindaco, come gli altri candidati, sosterrà Sala”.

Ore 22,59 – Il segretario del Pd metropolitano di Milano Pietro Bussolati ha comunicato il dato ufficiale dell’affluenza: “Hanno votato 60.900 cittadini, un risultato straordinario”

Ore 22,48 – “Renzi mi ha chiamato e mi ha fatto i complimenti”. Così il vincitore delle primarie, Giuseppe Sala ha commentato la vittoria al suo arrivo al teatro Elfo Puccini. “Era un passaggio non facile – ha aggiunto -, quindi sono molto contento. Mi pare un ottimo risultato, ma soprattutto oggi ha vinto Milano perché ha dimostrato di essere una città in grado di gestire le primarie svolte in regolarità. L’ho sentito e mi ha fatto i complimenti. Da domani si ricomincia”.

Ore 22,46 – “Sono molto soddisfatto del risultato, molti non immaginavano un risultato di questo tipo. L’unica ossessione adesso deve essere vincere contro il centrodestra. Sto molto bene in questo centrosinistra, sono molto contento”. Queste le parole di Pierfrancesco Majorino, terzo classificato alle primarie del centrosinistra.

Ore 22,38 – Complimenti a Beppe Sala per la vittoria alle primarie del centrosinistra da parte della ‘sfidante’ Francesca Balzani. Che subito propone di fare fronte comune per battere gli avversari del centrodestra alle amministrative di giugno. “Faccio molti complimenti a Beppe Sala, che ha fatto un buon risultato. Spero di vederlo quanto prima per iniziare a ragionare con lui, su come arrivare tutti insieme alla sfida di giugno.

Ore 22,31 – Giuseppe Sala, 58 anni, commissario di Expo, sarà il candidato sindaco del centrosinistra a Milano. Sala ha infatti vinto le primarie della coalizione che si sono tenute ieri e oggi in città. A spoglio non ancora ultimato, gli altri tre candidati (Francesca Balzani, Antonio Iannetta e Pierfrancesco Majorino) non possono piu’ raggiungerlo.

Ore 21,42 – 33.991 voti scrutinati. Guida Beppe Sala con 13.916 preferenze, seguono Balzani con 11.707, Majorino con 8.118, Iannetta con 250.

Ore 21,27 – Con il 51,3%  dei seggi scrutinati alle primarie del centrosinistra di Milano, il candidato Giuseppe Sala è avanti con il 42%, Francesca Balzani si attesta al 34%, Pierfrancesco Majorino è al 24% e Antonio Iannetta si ferma all’1%. La differenza fra Sala e Balzani è di 1.914 voti.

Ore 21,10 – Su 17.676 voti, Sala in testa con 7.382 (41,8%), seguono Francesca Balzani con 5.955 (33,7%), Piefrancesco Majorino con 4.200 (23,8%) e Antonio Iannetta con 139 (0,8%).


 

Ore 20,50 – Su 7.150 voti reali scrutinati, guida Beppe Sala con 2.886 (40,4%), poi Francesca Balzani con 2.399 (33,6%), Pierfrancesco Majorino con 1805 (25,2%) e Antonio Iannetta con 60 voti (0,8%).

Ore 20,32 – Arrivano a macchia di leopardo i primi dati sui seggi scrutinati in città. Dai primissimi risultati – disponibili meno di una decina di seggi in diverse zone della città sui 150 dove si è votato – Giuseppe Sala risulta generalmente avanti rispetto a Francesca Balzani e Pierfrancesco Majorino con percentuali complessive intorno al 40%, Balzani intorno al 30% e Majorino intorno al 25%.

Ore 20,25 – Porte aperte al pubblico al teatro Elfo Puccini. Verso metà serata è atteso l’arrivo dei presidenti di seggio, con l’esito dello spoglio: porteranno all’Elfo 151 chiavette usb, contenenti ciascuna il risultato dello scrutinio di ogni seggio, che poi sarà elaborato e proiettato sugli schermi del teatro, fino all’esito finale.

Ore 20,19 – Il primo dato su un seggio delle primarie scrutinato arriva da Ponte Lambro. Hanno votato in 67 persone e le percentuali indicano Sala al 56,7%, Majorino 31,3%, Balzani 11,9%.

Ore 20,16 – “Gli exit polls non si commentano, vediamo i voti veri. Credo sia stata un’occasione molto bella e partecipata con una forte mobilitazione democratica. Mi par di capire che la mia proposta non sia così marginale come qualcuno aveva dichiarato”. Così a radio popolare Pierfrancesco Majorino commenta l’exit polls dell’Università Statale.

Ore 20,14 – “I seggi sono chiusi. Grazie a tutte e a tutti coloro che hanno votato e scritto un’altra pagina bella e importante di partecipazione per il centrosinistra milanese. Complimenti e in bocca al lupo a tutti e tre i miei sfidanti. Comunque vada, da domani tutti insieme per Milano, per continuare la bella stagione”. Lo scrive Francesca Balzani sulla sua pagina Facebook.

Ore 20,07Beppe Sala è nella sede del suo comitato elettorale, dove seguirà lo spoglio dei voti. Il candidato parlerà coi cronisti solo dopo aver visto i risultati, spiegano dal suo staff. Nelle stanze di via Casati sono presenti anche il ministro per la Politiche agricole, Maurizio Martina, il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, il sottosegretario Ivan Scalfarotto, il deputato Emanuele Fiano e alcuni degli assessori che hanno dato l’appoggio a Sala: Pierfrancesco Maran, Franco D’Alfonso, Cristina Tajani e Chiara Bisconti.

Ore 20,00 – Primi exit poll

Da una rilevazione del Dipartimento di Scienze sociali e politiche dell’Università di Milano svolta su un campione rappresentativo di 3.000 interviste in 51 sedi di voto.

Francesca Balzani 32%-35%
Antonio Iannetta 0%-2%
Pierfrancesco Majorino 23%-26%
Giuseppe Sala
39%-42%



 

Alle 16 votato 41.420 elettori

Alle 16 hanno votato in totale 41420 elettori. Grazie al sistema di controllo, sono stati sventati due tentativi di doppio voto. Per votare c’è ancora tempo fino alle 20.

Un ultimo sforzo, dai! #VotaMI #primarieMilano


Luca Mangoni: “Majorino ce la farai, parola di supergiovane”

Mentre in tutta Milano prosegue il voto dei cittadini per scegliere il candidato del centrosinistra per la corsa a sindaco di Milano, noi abbiamo raggiunto Luca Mangoni, in arte il Supergiovane degli Elio e le Storie Tese, che ci ha spiegato perché ha deciso di sostenere la candidatura di Pierfrancesco Majorino: “E’ simpatico, è un mio amico ed è di sinistra”. Guarda il video.

 

 

 


 

Gino Vignali: “Sogno una Milano come Londra, per questo ho scelto Sala”

Mentre prosegue il voto dei milanesi che, nonostante la pioggia incessante, stanno affollando i seggi predisposti dagli organizzatori in tutta la città, noi abbiamo raggiunto Gino Vignali e gli abbiamo chiesto perché ha deciso di sostenere Beppe Sala nella corsa a sindaco. Ci ha raccontato della sua lunga conoscenza con l’ex ad di Expo e ci ha detto perché ripone così tanta fiducia in lui. Guarda il video

 

 


Alle 12 26mila elettori (considerando quelli di sabato)

Alle 12 di oggi hanno votato 18120 elettori, che vanno a sommarsi ai 7750 di ieri. Vi ricordiamo che è possibile votare fino alle 20.


Giobbe Covatta: “Balzani, tifo per te. Non farmi fare brutta figura”

Abbiamo raggiunto il comico pugliese impegnato nella sua tourneé insieme a Enzo Iacchetti, nella sua abitazione milanese. Ci ha parlato delle primarie del centrosinistra e del suo sostegno a Francesca Balzani. “Come diceva la Thatcher…?”

 

 

Secondo giorno di primarie in una Milano bagnata da una pioggia incessante. 150 seggi aperti in tutta la città, dalle 8 alle 20. Possono votare tutti i milanesi che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età e tutti gli stranieri con regolare permesso di soggiorno. Dalle 20 i risultati in tempo reale.

 

 

 

 

 

Cinesi al voto, una polemica politica piccola e vuota

image

 

Questa è la foto che i giornali della destra (e non solo) stanno usando per delegittimare quella grande prova di democrazia che sono le primarie del centrosinistra a Milano. Una foto che immortala una famiglia di origine cinese in coda per votare ad un seggio allestito nel capoluogo lombardo. Cosa c’è di strano? Le primarie del centrosinistra sono aperte ai cittadino stranieri regolarmente residenti in Italia e a Milano, checché ne pensino i cervelloni della destra, questa fattispecie è particolarmente numerosa. Si pensi che solo nel capoluogo lombardo, il 18,6% dei cittadini è di origine straniera. Ieri, complessivamente, solo il 4% dei votanti alle primarie erano immigrati. Pure pochini, se vogliamo. Cosa c’è allora dietro questa polemica? Nulla, se non la solita, immancabile, dose di provincialismo interessato, di ignoranza strumentale, per cui negli Stati Uniti i candidati spendono milioni di dollari per impostare campagne elettorali che convincano le tante comunità immigrate, mentre in Italia si monta un caso per qualche centinaia di cinesi in coda per partecipare alla vita politica della città in cui vivono. Così non andiamo da nessuna parte.


 

 


 

SABATO 6 FEBBRAIO

Ore 19,15 – Sono appena arrivati i dati relativi all’affluenza del primo giorno di primarie. Hanno votato 7.750 cittadini milanesi, il 49% uomini e il 51% donne. Domani saranno aperti 150 seggi (oggi erano solo 9) dalle 8,00 alle 20,00. Il nostro racconto, per oggi, termina qui. Seguiteci domani, sul sito e sui social, per aggiornamenti, news, approfondimenti e interviste in diretta.

Ore 18,55 – Siamo arrivati nel cuore di Milano, in piazza Duomo, per sentire cosa pensano i cittadini, milanesi e non, della loro città e cosa si aspettano dal futuro sindaco. Il risultato è un mix di speranza e delusione, di soddisfazione e disincanto, in attesa del risultato delle primarie che, inevitabilmente, influirà sul destino di Milano.

Ore 13,20 – Primi dati sulla partecipazione di #primarieMilano. Fino alle 12 hanno votato 3.062 cittadini milanesi. Alle 19, un’ora dopo la chiusura dei seggi, verrà formito il secondo dato sull’affluenza di oggi.

 Ore 12,30 -Al seggio di Milano zona 1 è arrivato Beppe Sala, il candidato considerato favorito alle primarie di Milano. Lo abbiamo intervistato, ecco cosa ci ha detto

 

 

 

 

 

 Ore 11,55 – In coda al seggio Zona 1 di corso Garibaldi. Abbiamo sentito le voci dei tanti cittadini in attesa di esprimere il loro voto alle primarie milanesi. Tra pochissimo vota, in questo seggio, uno dei candidati: Beppe Sala.

 

 

 

 

 Ore 11,17 – Francesca Balzani ha votato al circolo Pd Romana Calvairate. L’abbiamo intervistata all’uscita del seggio, ecco cosa ci ha detto

Ore 9,07 – Ai seggi cominciano a formarsi le prime file. Oggi si vota fino alle 18, domani dalle 8 alle 20. Trova il tuo seggio su www.primariemilano.it

Ore 8,00 – Aperti i 9 seggi predisposti nelle zone della città. Buone primarie a tutti i milanesi!

>>> LEGGI ANCHE: Primarie Milano, comunque vada sarà un successo

UNITA32_20160206195920172

Immagine 1 di 10

Ada Lucia De Cesaris vota al Cam di Corso Garibaldi per le primarie organizzate dal centrosinistra per scegliere il candidato sindaco della coalizione, Milano, 6 febbraio 2016. ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

Vedi anche

Altri articoli