Maxi sbarco in Sicilia: 801 persone soccorse

Immigrazione
Un momento delle operazioni di soccorso a 3 gommoni, con a bordo in totale 371 persone, da parte di Nave Peluso CP905 della Guardia Costiera,  12 aprile 2016.
ANSA/ UFFICIO STAMPA 
++HO -NO SALES EDITORIAL USE ONLY++

Ecco come si sono organizzati i soccorsi della Guardia costiera

Sono complessivamente 801 i migranti tratti in salvo nelle ultime ore, in due diverse operazioni coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma del ministero dei Trasporti. Ad avvistare i migranti, stipati su 2 barconi in difficoltà al largo delle coste siciliane, è stato un aereo della Guardia costiera decollato dalla base di Catania. Sul primo barcone, con 515 persone a bordo, è giunta la Nave Peluso della Guardia costiera che ha tratto in salvo 342 migranti, in prevalenza siriani. I rimanenti 173 sono stati recuperati dalla nave Rio Segura, inserita nel dispositivo Frontex. Il secondo barcone, con 286 migranti è stato soccorso dalla nave militare finlandese Merikarhu, con l’assistenza di 3 motovedette della Guardia costiera partite da Catania, Siracusa e Crotone. Tra i migranti anche una donna in stato avanzato di gravidanza, per la quale è stato necessario un trasbordo immediato con un elicottero della Guardia costiera di Catania.

Vedi anche

Altri articoli