#Mezzogiornoriparte, le proposte di Rifare l’Italia per il Sud

Legge di Stabilità
Deputati entrano in aula durante il seguito della discussione del disegno di legge di riforma della RAI e del servizio pubblico a Montecitorio,Roma,20 ottobre 2015.       ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI,

Modificare la legge di stabilità per aiutare le regioni meridionali: le idee in quattro punti dei Giovani turchi

Sono state presentate oggi in conferenza stampa le proposte di modifica della legge di stabilità avanzate da Rifare l’Italia. In particolare, nel giorno in cui il governo ha presentato il Masterplan per il Mezzogiorno, l’attenzione dei Giovani turchi del Pd si concentrano proprio sul Sud. “Pensiamo – ha spiegato Antonio Misiani – che sia necessario focalizzare l’attenzione sulle regioni meridionali, perché la ripresa, che c’è, è concentrata soprattutto nel centro-nord mentre il sud quest’anno rimarrà fermo allo 0,1%”

Le proposte di Rifare l’Italia si concentrano su quattro punti, il primo dei quali è la conferma, solo per le regioni meridionali, della decontribuzione al 100% per chi assume a tempo indeterminato, che la legge di Stabilità ha ridotto al 40%. Il secondo punto riguarda gli incentivi potenziati per gli investimenti privati: un credito d’imposta per la ricerca e sviluppo più generoso per le imprese meridionali e il riconoscimento per il triennio 2016-18 di un credito di imposta alle imprese che acquistano beni strumentali nuovi da destinare alle strutture produttive situate nel Sud Italia. I parlamentari del Pd – con Antonio Misiani erano alla conferenza stampa Valeria Valente, Federico Massa e Salvatore Tomaselli – insistono poi sulla grande sfida rappresentata dalle risorse liberate dall’attivazione della clausola europea per gli investimenti. Sono 11,3 miliardi nel 2016, di cui almeno 7 al Sud. Quarta e ultima proposta di Rifare l’Italia, assegnare al Fondo strategico italiano e al Fondo italiano per gli investimenti una “mission” aggiuntiva: superare il divario di sviluppo e accelerare i processi di crescita nelle regioni meno avanzate, introducendo un canale d’accesso privilegiato per le imprese meridionali.

Ecco le slide con le proposte nel dettaglio di Rifare l’Italia

Vedi anche

Altri articoli