Messi, Suarez e gli altri: i celebri precedenti del “rigore di seconda”

Stopper
epa05161423 FC Barcelona's Uruguayan striker Luis Suarez (L) jubilates with Leo Messi (R) his third goal against Celta Vigo during their Primera Division soccer match played at Camp Nou stadium in Barcelona, Catalonia, Spain on 14 February 2016.  EPA/Quique Garcia

Fa discutere la spettacolare esecuzione del penalty da parte dei due giocatori del Barcellona. I precedenti, anche imbarazzanti, non mancano

Fa discutere tutto il mondo il rigore messo a segno dalla premiata ditta Messi-Suarez, i due punteros del Barcellona che hanno chiuso il match contro il Celta Vigo con l’esecuzione “indiretta” di un penalty. Sul dischetto va Leo Messi che, però, invece di calciare, tocca piano la palla in avanti per favorire la conclusione del compagno di squadra Luis Suarez che chiude così la partita con una tripletta.

Dal punto di vista regolamentare, l’esecuzione non fa una piega. La norma, infatti, impone solo che il pallone venga comunque calciato in avanti e che l’eventuale compagno di squadra destinatario del passaggio si trovi fuori dall’area al momento del tocco del rigorista. Non tutti però, soprattutto a Madrid, hanno preso bene la decisione di Messi e Suarez. In molti vedono nel gesto dei due fuoriclasse non tanto l’ennesimo momento di spettacolo puro offerto dai giocatori della squadra più forte del mondo ma più che altro un modo poco rispettoso di irridere l’avversario.

C’è da dire che i precedenti, a livello internazionale non mancano. A proposito di spettacolo, il primo esempio di “rigore di seconda” che si ricordi non poteva non nascere da un’idea geniale di una della squadre simbolo del calcio moderno: l’Ajax degli anni ’70-’80. La firma, ovviamente, è di Johan Cruyff che mette a segno il penalty dopo un doppio scambio con il compagno di squadra Jesper Olsen durante un match contro l’Helmond Sport nel 1982.

Decisamente meno fortunato, qualche anno dopo, il tentativo dei due francesi dell’Arsenal Thierry Henry e Robert Pires. Nel match casalingo contro il Manchester City, lo schema ideato dai due non funzionò, dando vita a una delle peggiori figuracce che si ricordino su un campo da calcio. Il video è ancora oggi un cult degli appassionati di pallone e non.

Vedi anche

Altri articoli