Renzi a Shinzo Abe: “Noi al fianco del Giappone per il successo del G7″

Governo

Il premier ha incontrato a Firenze il primo ministro giapponese

“Questa è una settimana importante per la politica estera in Italia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi che questa mattina ha ricevuto a Firenze il primo ministro giapponese Shinzo Abe il quale ha dato il via a questa settimana densa di appuntamenti internazionali. Dopo questo incontro con il capo del governo nipponico, Renzi, infatti incontrerà giovedì a Roma i principali esponenti delle istituzioni europee: il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker, quello del Parlamento europeo Martin Schulz e quello del Consiglio europeo Donald Tusk. Renzi, inoltre, pranzerà a Palazzo Chigi con la cancelliera tedesca Angela Merkel, anche lei nella Capitale giovedì, per discutere delle questioni europee.

“Il Giappone ospiterà tra meno di un mese l’importante appuntamento del G7 in un momento di grande importanza e conto sulla leadership di Shinzo Abe per la riuscita del G7 e per la crescita economica in generale” ha detto poi Renzi: “Abbiamo una necessità straordinaria di cogliere l’occasione che verrà dal G7 giapponese. Non c’è mai stato un momento così utile e opportuno per la presidenza giapponese – ha sottolineato – in uno scenario internazionale, europeo e statunitense, in cui c’è la necessità straordinaria di cogliere l’opportunità. In bocca al lupo quindi ad Abe per il G7: noi saremo in prima linea  al vostro fianco perché l’evento possa essere un successo”.

“Abbiamo discusso non solo di G7 – ha aggiunto il premier – ma anche di investimenti giapponesi in Italia, come quello di Hitachi. Abbiamo discusso anche di scambi culturali. Una partnership a 360 gradi e un livello di amicizia che è per noi motivo di orgoglio e di gioia”.

“Noi paesi del G7 siamo accomunati da valori universali dobbiamo discutere dei problemi mondiali, ma in prospettiva strategica. Soprattutto sui temi principali dell’economia mondiale il G7 deve mostrare coesione e mandare un forte messaggio rispetto alle sfide mondiali”, ha detto il premier giapponese. “Ci deve essere una accelerazione delle riforme strutturali – ha aggiunto Abe – accompagnata dalla condivisione di politiche fiscali per evitare crisi future e stimolare la ripresa economica globale”.

“In questo colloquio io e Matteo (Renzi) abbiamo condiviso la consapevolezza che dai paesi del G7 ci si aspetta un’accelerazione delle riforme strutturali che sia accompagnata da una mobilitazione di politiche fiscali flessibili, affinché si possa superare la crisi attuale, evitare di ricadere in crisi future e stimolare la ripresa economica mondiale”, ha detto il premier giapponese.

Il presidente del Consiglio Renzi ha poi annunciato la notizia arrivata dal Tribunale dell’Aja del rientro del fuciliere di marina Salvatore Girone in Italia durante l’arbitrato: “Una notizia straordinaria”, ha detto il premier che ha parlato personalmente con il marò, commentando che la decisione è “un passo avanti davvero significativo, a cui abbiamo lavorato con grande dedizione e determinazione”.

Vedi anche

Altri articoli