Mattarella all’Expo: “abbiamo abbracciato il mondo”. Da leggere oggi su l’Unità in edicola

Dal giornale
_0BKW1_unita_011115_pag_1

Dalla sfida (vinta) di Milano a quella da affrontare (e vincere) a Roma

Ieri si è chiusa l’esposizione universale di Milano e oggi la prima pagina de l’Unità gli dedica l’apertura con le entusiastiche parole del presidente Mattarella. I numeri di Expo sono al centro anche dell’intervista a Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, che trovate a pagina 3. Per lui l’evento milanese “ha rimesso l’Italia al centro” dimostrando che il modello di collaborazione fra pubblico e privato ha saputo dare “tanti frutti” per la riuscita della manifestazione.

Anche se alla fine è stato un successo, non tutti immaginavano che sarebbe andata così. A partire da Beppe Grillo. Maurizio Boldrini a pagina 4 prova a raccoglie le peggiori frasi di chi prefigurava il disastro di Expo e che invece è stato smentito dai risultati.

La sfida vinta a Milano sposta l’attenzione sulla sfida Capitolina e l’inizio del Giubileo. Oltre a raccontare il dream team messo insieme per affrontare l’emergenza, le pagine 6 – 7 pongono l’accento sulla figura del sindaco nella percezione dei cittadini. Secondo l’indagine Swg, infatti,  nell’Italia in crisi di fiducia e rappresentanza il ruolo dei sindaci torna ad essere centrale: è il sindaco la figura che suscita più fiducia, quella percepita come più vicina ai problemi reali e da cui le persone si aspettano risposte concrete.

Infine segnaliamo i due editoriali di apertura di oggi. Il primo è quello di Walter Veltroni che ricorda nel suo consueto appuntamento settimanale la figura di Pier Paolo Pasolini. Il secondo è invece quello del direttore D’Angelis che accende i riflettori sulla Sogin,  la Società Gestione Impiani Nucleari, consumata da conflitti tra manager, soldi non spesi e le accuse dell’ex ad Casale.

 

Vedi anche

Altri articoli