Gentiloni twitta dopo il malore: “Sto bene. Presto torno al lavoro”

Governo
Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni al Senato per consegnare il discorso sulla fiducia, Roma, 13 dicembre 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

Il presidente del Consiglio ha subito un intervento di angioplastica ed è attualmente sotto osservazione al Policlinico Gemelli di Roma. Le sue condizioni non sono preoccupanti

Qualche giorno di riposo, poi il presidente del Consiglio potrà tornare a lavoro, forse già all’inizio della prossima settimana. La preoccupazione delle prime ore, dopo il malore subito ieri sera al rientro dalla sua visita in Francia, ha lasciato rapidamente spazio a una maggiore serenità, per quanto vigile. Paolo Gentiloni, infatti, è rimasto per tutto il giorno sotto osservazione nell’Unità di terapia intensiva cardiologica del Policlinico Gemelli, dopo l’intervento di angioplastica eseguito nello stesso ospedale della Capitale.

Nel tardo pomeriggio, è stato lo stesso premier a voler tranquillizzare tutti sulle sue condizioni, attraverso un tweet.

 

Al rientro da Parigi, dove ieri ha incontrato il presidente francese François Hollande, Gentiloni ha accusato un lieve malore. Il premier è arrivato al Policlinico Agostino Gemelli intorno alle ore 22 di ieri sera dove i sanitari gli hanno consigliato di procedere ad un intervento chirurgico di angioplastica per uno stent a un vaso periferico. L’intervento è perfettamente riuscito e il presidente del Consiglio è tornato subito vigile e in condizioni non preoccupanti, tanto da indurre i sanitari del Gemelli a non prevedere alcun bollettino medico. Fonti di governo hanno subito riferito che Gentiloni ha continuato a lavorare al telefono, scambiando sms con Palazzo Chigi e vorrebbe tornare al lavoro già lunedì prossimo.

Per qualche giorno dovrà rimanere comunque in osservazione e a riposo nella Unità di terapia intensiva cardiologica (Utic) del Policlinico Gemelli, guidata dal professor Antonio Rebuzzi. Per questo motivo, Gentiloni ha dovuto interrompere il tour europeo che domani lo avrebbe portato a Londra per incontrare il primo ministro britannico Theresa May.

Auguri sono arrivati al premier attraverso canali diversi, pubblici e non, da tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione. Il segretario del Pd, Matteo Renzi, è stato informato dal primo momento del lieve malessere del premier ed è rimasto in contatto telefonico con lui, esprimendogli tutto il suo affetto personale, la vicinanza della comunità del Pd e gli auguri di pronta guarigione.

Vedi anche

Altri articoli