L’ultima volta di Obama all’Onu: attacco a Putin e agli “uomini forti”

Mondo

Duro il presidente americano, che denuncia la Russia di “voler recuperare la vecchia gloria attraverso l’uso della forza”

Non è mancato un accenno polemico alla Russia di Vladimir Putin nel discorso di Barack Obama davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. “La Russia tenta di recuperare la vecchia gloria attraverso la forza”, ha detto il presidente Usa in un passaggio del suo intervento.

Senza mai fare riferimento specifico al presidente russo o ad altri leader mondiali, Obama ha denunciato gli “uomini forti” che tentano di mantenere il potere attraverso la repressione in casa propria o creando conflitti al di fuori dei propri confini. Sulla Siria, Obama ha ribadito la necessità di ricercare una soluzione diplomatica che preveda l’invio di aiuti umanitari e una transizione politica.

“Sono davanti a voi per l’ultima volta”. Obama ha aperto così il suo ultimo intervento all’Assemblea generale dell’Onu. “Il mondo oggi si trova davanti a una scelta: o andare avanti o tornare indietro. E noi dobbiamo andare avanti” ha continuato il presidente Usa. “Questo è il paradosso del nostro mondo: nonostante i progressi manca la fiducia nelle istituzioni. A 25 anni dalla fine della Guerra fredda, il mondo è meno violento e più ricco ma c’è più disordine e irrequietezza. E le tensioni aumentano”

Vedi anche

Altri articoli