Lo squadrismo di De Magistris: “Renzi devi avere paura, ti devi cacare sotto”

Politica

Il sindaco di Napoli si affida ad un linguaggio triviale per conquistare la folla ma il risultato è tragico e grottesco allo stesso tempo

Volgare, violento, minaccioso. De Magistris dà il peggio di sé arringando la folla del Palapartenope accorsa ad ascoltarlo. Il sindaco di Napoli usa parole che sembrano più adatte ad un malavitoso che a un politico. “Renzi, vattene a casa, – urla dal palco – devi avere paura, ti devi cacare sotto. Cacati sotto”.

Dunque è questo il modello di politica a cui punta De Magistris? Una politica “esemplare” – secondo i suoi canoni – fatta di insulti, minacce e disgustosi sproloqui? L’ex magistrato divenuto sindaco di una delle città più importanti del Paese si è ridotto ad attaccare il governo con un linguaggio irripetibile e imbarazzante. Per cosa? Per fomentare la folla, aizzarla e conquistare un applauso che quasi dà i brividi. Se è questa l’idea di politica nobile che ha De Magistris allora c’è davvero da preoccuparsi per il futuro.

Durante uno dei passaggi dice anche di non essere in vendita. “Ci hanno provato in tutti i modi a comprarmi – ha detto orgoglioso – ma non sono in vendita”, ma la verità è che si è già venduto al peggiore degli offerenti: il qualunquismo.

A suo modo, il web ha già risposto allo squadrismo di De Magistris, che ha parlato di “rivoluzione”, mostrando le condizioni in cui versa Napoli dopo la sua “cura”. (Guarda il video)

Vedi anche

Altri articoli