L’Italia manda (già) in soffitta le previsioni al ribasso di Sports Illustrated

Olimpia
Italian Premier Matteo Renzi visits the Christ the Redeemer statue illuminated with colours of Italian flag in Rio de Janeiro, Brazil, 03 August 2016.  ANSA/ CIRO FUSCO

La celebre rivista statunitense, come prima di ogni Olimpiade, aveva fatto le “medal predictions”. Quelle sull’Italia sono state clamorosamente smentite

Venti medaglie, di cui solo sei d’oro: erano queste le previsioni riservate all’Italia di quella che è considerata la bibbia dello sport mondiale, la rivista statunitense Sports Illustrated. Come ogni due anni (lo fa sia per le Olimpiadi estive che per quelle invernali), anche quest’anno SI, in particolare il giornalista Brian Cazeneuve, ha elaborato le medal predictions, una sorta di proiezione dettagliatissima sulla distribuzione delle medaglie olimpiche.

La rivista americana non è stata tenera con i colori azzurri. Come detto venti medaglie in totale (otto in meno di Londra 2012) solo sei del metallo più pregiato. In particolare le previsioni di vittoria erano riservate a Gregorio Paltrinieri (l’unica azzeccata finora), Arianna Errigo, Rossella Fiamingo e la squadra di fioretto maschile nella scherma (che ora staranno maledicendo il buon giornalista), Simone Ruffini nella maratona del nuoto e Frank Chamizo nella lotta libera maschile (questi ultimi staranno facendo gli scongiuri).

Ebbene, siamo felici di comunicare a Cazeneuve che l’Italia, quando manca ancora poco meno di una settimana di gare, ha già mandato le sue previsioni in soffitta. Il medagliere azzurro parla, per il momento, di otto ori, nove argenti e sei bronzi, per un totale di 22 medaglie. Colpisce che Sports Illustrated non abbia minimamente preso in considerazione gli azzurri per quanto riguarda le discipline di tiro (che hanno fruttato all’Italia quattro ori con Niccolò Campriani su tutti).

Ma tant’è. Sperando che almeno per Ruffini e Chamizo le previsioni di SI possano essere confermate, ci auguriamo che in tante altri discipline da qui alla fine dei Giochi si possano registrare tante altri gioie azzurre. L’obiettivo del presidente del Coni Giovanni Malagò era di 25 medaglie, ma siamo certi che, avanti di questo passo, possano essere anche di più.

Vedi anche

Altri articoli