L’inchiesta rifiuti si allarga ed è caos: Muraro indagata con Panzironi e Fiscon

M5S
Muraro 2

Sarebbero sette le consulenze annuali sospette affidate da Giovanni Fiscon, Franco Panzironi (ex amministratore delegato Ama, imputato nel processo di Mafia Capitale) e altri dirigenti dell’Ama a Paola Muraro

Querele, domande senza risposte, l’inchiesta che si allarga a macchia d’olio. Roma e l’amministrazione a Cinquestelle si trovano sempre più impantanate e le nuove contestazioni fatte dagli inquirenti aggravano ancora di più le cose.

Stando a quanto scrive La Repubblica “sono sette le consulenze annuali sospette affidate da Giovanni Fiscon, Franco Panzironi e altri dirigenti dell’Ama a Paola Muraro, al centro dell’inchiesta che vede l’assessora all’Ambiente del Comune indagata per abuso d’ufficio proprio con l’ex dg della municipalizzata dei rifiuti, sotto processo nell’aula bunker di Rebibbia per Mafia capitale, e ora anche con l’ex amministratore delegato di Ama arrestato nella stessa inchiesta sul Mondo di mezzo“.

L’indagine si concentra sui favoritismi che avrebbero consentito proprio a Muraro di ottenere, oltre agli incarichi da un milione e 200 mila euro in dieci anni già contestati, altri 7 contratti da “esterna” per 500 mila euro.

Gli accertamenti partono dal 2004 ma si sono concentrati sui contratti affidati dai vertici di Ama alla specialista Paola Muraro dal 2008 in poi, perché con l’arrivo di Panzironi i compensi di Muraro subiscono un’impennata, spiega invece il Corriere dell Sera. “Nel 2004 la consulente guadagna 30 mila euro, nel 2008 con il nuovo ad sale a 80 mila e due anni dopo percepisce altri 20 mila euro in più per un totale di 100 mila. L’ultimo contratto, scaduto il 30 giugno scorso, quando ormai era già entrata nella giunta Raggi, arrivava a 115 mila euro. Totale: 1 milione e 136 mila euro. La cifra in realtà è stata molto più alta. I controlli hanno consentito di rintracciare altri sette incarichi per mezzo milione di euro”.

Nel frattempo, si discute anche dello strappo di Federico Pizzarotti ed esplode la guerra di querele. Ieri l’ex consulente milionaria della municipalizzata per la raccolta rifiuti ha querelato il premier Matteo Renzi perchè ritiene che l’abbia indebitamente accostata al processo Mafia Capitale. Eppure le indagini sembrano andare proprio in quel verso: Muraro, Fiscon e Panzironi, infatti, secondo gli inquirenti, sarebbero legati e la Muraro più che una consulente avrebbe esercitato un ruolo dirigenziale.

Dopo la querela di Paola Muraro al premier anche il Pd ha dato mandato ai suoi legali di querelare la sindaca Virginia Raggi che, in un post su Facebook, aveva risposto a Renzi: “Affari con Mafia capitale? Mica siamo il Pd”.

Intanto stamani Grillo e Casaleggio jr vedranno i deputati Cinquestelle a Roma mentre viene escluso un incontro con la sindaca di Roma.  Lasciando l’hotel Forum, Grillo ha rivolto un suo saluto e un ringraziamento ai netturbini di Roma: “Ora la città è più pulita, grazie a loro che sono la forza più importante della città”.

Vedi anche

Altri articoli