L’Europa reagisce: più controlli ai confini per chi esce dall’area Schengen

Terrorismo
E' atterrato poco dopo l'una all'aeroporto di Fiumicino il Boeing 737 della Blue Panorama (volo BV673) proveniente da Sharm el Sheikh con 118 turisti a bordo. Si tratta del primo gruppo di italiani di ritorno nella capitale dopo il disastro dell'Airbus russo nel Sinai. Roma, 8 novembre 2015. ANSA/TELENEWS

La misura varata dai ministri dell’Interno dei 28 in una riunione straordinaria in corso a Bruxelles

I ministri dell’Interno dei 28 Paesi Ue hanno dato il via libera alla modifica del Trattato di Schengen, quello che riguarda la libera circolazione all’interno degli Stati membri. In particolare, saranno introdotti controlli “sistematici” a tutti i cittadini europei che rientrano dopo essere stati in Paesi esterni a quelli dell’area Schengen.

La richiesta era partita dalla Francia ed è stata accolta dai partner europei, per individuare con più semplicità i terroristi di origine europea che si recano nei territori controllati dall’Isis per “arruolarsi” nelle truppe sotto la bandiera nera o addestrarsi in vista della preparazione di attentati in Occidente.

Tra le altre misure previste, in discussione al vertice dei ministri Ue, anche una stretta sulla vendita delle armi da fuoco.

Vedi anche

Altri articoli