Referendum sulla marijuana: 5 Stati dicono Sì alla legalizzazione

Usa2016
cannabis

A fare da apripista lo stato della California. “Liberation” ironizza: “Almeno possono darsi alla marijuana”

Oltre ad eleggere il nuovo presidente degli Stati Uniti, gli americani, in alcuni stati, hanno votato anche per legalizzare la marijuana per scopi medici o ricreativi.

I risultati non sono ancora definitivi ma ecco quello che già sappiamo.

Gli elettori di California e Massachusetts hanno dato il via libera alla mozione, in Nevada e Maine i sì sono in vantaggio, mentre in Arizona la strada per l’approvazione è al momento in salita. Inoltre, Florida (a stragrande maggioranza, con più del 70% dei sì), North Dakota e Arkansas si sono espressi a favore dell’uso medico della marijuana. In Montana, invece, è vicina all’approvazione una mozione simile che allenterà le restrizioni sulla regolamentazione attuale.

Soddisfazione da parte di chi aveva a gran voce invocato la liberalizzazione: “E’ una vittoria monumentale per il movimento di riforma. Con la spinta della California, la fine dei divieti a livello nazionale e magari anche internazionale si avvicina velocemente”, ha detto Ethan Nadelmann, direttore esecutivo della Drug Policy Alliance.

Considerando il fatto che in California si concentra il 12% della popolazione americana, lo Stato è considerato una cartina al tornasole dell’umore nazionale. Inoltre, data la dimensione dell’economia dello Stato e l’impatto sull’industria della cannabis, il via libera all’uso ricreativo potrebbe portare le autorità federali a ripensare il divieto imposto a livello nazionale sull’uso della marijuana per qualunque tipo di scopo.

Anche se l’ingresso di Donald Trump alla Casa Bianca, solleva grande incertezza sul futuro della misura nel corso dei prossimi quattro anni, visto l’approccio fortemente critico sulla questione del repubblicano

“Almeno possono darsi alla marijuana”. Così ironizza ‘Liberation’, il quotidiano francese, apertamente schierato con la Clinton suggerisce agli americani di consolarsi della sconfitta facendone uso.

 

Vedi anche

Altri articoli