Le 5 bugie che hanno convinto gli inglesi

Brexit
Symbolbild zum drohenden Brexit nach der von David Cameron angestrebten Volksabstimmung in Großbritannien zum Verbleib in der EU Europäische n Union: erodierende Flagge der EU und Facebook Dislike mit Daumen nach unten und Union Jack

Symbol image to threat  after the from David Cameron desired Referendum in UK to Remaining in the EU European n Union Eroding Flag the EU and Facebook dislike with Thumb after below and Union Jack

Il sito infacts.org ha raccolto i 5 miti da sfatare che sono stati diffusi per convincere il popolo britannico a votare per il Leave

La campagna per la Brexit è stata costellata da informazioni fuorvianti. “I sostenitori della Brexit hanno condotto una campagna di disinformazione per spaventare gli elettori e indurli a votare in favore dell’uscita della Gran Bretagna dall’Ue” spiega il sito il sito infacts.org che ha raccolto i 5 miti da sfatare che sono stati diffusi per convincere il popolo britannico a votare per il Leave. Il sito apertamente schierato contro la Brexit ha realizzato anche dei video sulle tesi più strampalate diffuse dalla stampa inglese o evocate nei discorsi dei leader.

Dall’esistenza di un milione e mezzo di immigrati clandestini al collasso in tre anni dei conti del servizio sanitario nazionale. Dal fatto che il ripristino di controlli nazionali aumenterebbe di dieci volte la possibilità di fermare sospetti terroristi, allo spettro di settecento reati settimanali commessi da immigrati comunitari.

1) “La Turchia diventerà membro dell’Ue nel 2020” Michael Gove, Lord Cancelliere e segretario di Stato della Giustizia del Regno Unito, nonché acceso sostenitore della Brexit, ha detto che la Turchia sta per entrare nell’Ue. Il politico conservatore però evita di ricordare che, per ottenere il via libera di Bruxelles, Ankara dovrà dimostrare di essere una moderna democrazia europea sotto ogni profilo, dai diritti umani all’economia. E se anche ci riuscisse – una prospettiva ad oggi inverosimile –, la Gran Bretagna o qualsiasi altro membro dell’Unione potrebbe opporsi all’ingresso dei turchi, esercitando il diritto di veto.

 2) “Siamo sempre messi in minoranza da Bruxelles” Per suscitare una sorta di rivalsa nazionalista, il fronte del “Leave” afferma che nelle votazioni in sede europea la Gran Bretagna si trova spesso in minoranza. In realtà dal 1999 a oggi il bilancio del Regno Unito nelle votazioni del Consiglio europeo farebbe impallidire qualsiasi campione dello sport: 56 sconfitte contro 2.466 vittorie.

3) “La UE ha bisogno di noi più di quanto noi abbiamo bisogno di loro”. Boris Johnson sostiene che, una volta abbandonata l’Ue, la Gran Bretagna potrebbe ottenere un buon accordo commerciale con Bruxelles: “La Germania vuole continuare a venderci le BMW”, argomenta l’ex sindaco di Londra. Quello che Johnson non dice è che le esportazioni britanniche nell’Ue rappresentano il 13% dell’economia nazionale, mentre l’export dell’Unione nel Regno Unito vale appena il 3% dell’economia comunitaria. Per cui in una eventuale guerra commerciale, la Gran Bretagna ha molto più da perdere dell’Unione europea. Inoltre, diverse multinazionali (come Nissan) hanno istituito il loro quartier generale europeo nell’UK perché ritengono che sia la miglior porta d’accesso al mercato continentale. In caso di Brexit, Germania e Francia potrebbero cercare di sottrarre questa prerogativa al Regno Unito.

4) “Ogni settimana la Gran Bretagna invia a Bruxelles ben 350 milioni di sterline”. Secondo l’ex sindaco di Londra ogni settimana la Gran Bretagna invia a Bruxelles ben 350 milioni di sterline. Non è così, dal momento che il Regno Unito beneficia ancora del cospicuo sconto sui pagamenti all’Ue contrattato nel 1984 da Margaret Thatcher. È curioso che Johnson, grande fan della Thatcher, non ricordi questo particolare. Se si considera lo sconto tatcheriano e il denaro che dall’Unione europea torna nelle casse britanniche, la permanenza nell’Unione costa a ogni cittadino 30 centesimi di sterlina al giorno. Ma i vantaggi di cui tutti beneficiano valgono molto di più.

5) “Lasciare la Ue per salvare il Sistema Sanitario”. 
Boris Johnson e Michael Gove affermano che la Gran Bretagna potrebbe salvare il proprio sistema sanitario uscendo dall’Unione europea, perché ridurrebbe il numero d’immigrati in arrivo ogni anno e interromperebbe l’emorragia di denaro destinato a Bruxelles.  Gli stessi politici, tuttavia, dimenticano sempre di far notare che, in caso di uscita dall’Ue, il Regno Unito perderebbe il proprio accesso preferenziale al mercato europeo, cui è legata circa la metà del commercio britannico. Ciò provocherebbe uno shock economico talmente grave che il Paese non si ritroverebbe affatto con più denaro da spendere: al contrario, le risorse a disposizione diminuirebbero drasticamente. Boris Johnson e Michael Gove, inoltre, non dicono che i migranti comunitari, non danneggiano il sistema sanitario, ma lo sostengono, perché pagano più tasse di quanto non sfruttino i servizi pubblici, essendo più giovani della media dei britannici. Inoltre, nel Regno Unito un medico su 10 è un immigrato comunitario.

Vedi anche

Altri articoli