Le 10 colonne sonore più belle di sempre

Top ten
epa04599998 Italian composer Ennio Morricone conducts the Modern Art Orchestra of Hungary during a concert to conduct his best soundtrack songs in Amsterdam, the Netherlands, 01 February 2015.  EPA/PAUL BERGEN

Da sempre le colonne sonore sono una componente essenziale per la riuscita dei film e spesso ne hanno avuto più successo. Vediamo quelle che secondo noi sono le 10 più belle.

Ogni grande film ha una grande colonna sonora, una canzone che appena l’ascolti ti fa ricordare subito le scene principali della pellicola che la contiene. Spesso addirittura la colonna sonora supera la fama del film per il quale sono state composte. Ci sono grandi compositori che hanno legato il loro nome, ma soprattutto la loro musica, a grandi film. Da Ennio Morricone a Nino Rota, da Nicola Piovani a Hans Zimmer. Naturalmente fare una classifica di queste meravigliose colonne sonore non è semplice, e sicuramente tante sono state lasciate fuori. A differenza delle canzoni normali le colonne sonore vivono di una doppia emozione, quella musicale e quella che lega alle immagini dei film per la quale è stata composta.

10. Il favoloso mondo di Amélie – Yann Tiersen

Dal 2001, anno in cui è uscito il film, questa canzone è entrata nel cuore. E’ stata scritta dal compositore francese Yann Tiersen. Il pezzo più conosciuto e amato è una ballata molto delicata che attraverso le note del pianoforte crea una fantastica atmosfera che ben si sposa con le immagini del film. Il Cd ha avuto molto successo tanto da essere disco di platino in Canada.

 

 

 

9. Love story – Francis Lay

E’ un classico. Le note di questa colonna sonora sono tra le più conosciute e replicate della storia del cinema. Da quando è uscito il film nel 1970 le note che lo hanno accompagnato hanno avuto un successo enorme a livello mondiale, forse persino più del film stesso, tant’è che l’unico Oscar lo vinse Francis Lay per la colonna sonora.

 

 

 

 

8. Il Padrino – Nino Rota

Chi non conosce le note della colonna sonora del capolaforo diretto da Francis Ford Coppola. E’ una delle colonne sonore più suonate, alcune volte anche con intenzioni poco nobili. La musica composta da Nino Rota accompagna a meraviglia il film e riesce a rendere a meraviglia l’atmosfera italo-americana dell’epoca. Nino Rota con questa magnifica composizione ha vinto tanti premi tra cui il Golden Globe e il Grammy, ma non l’Oscar (che vinse con le musiche de Il Padrino 2).

 

 

7. Star Wars – John Williams

Generazioni di fan e non appena ascoltano le prime note della musica composta da John Williams non possono fare a meno di pensare ad astronavi, spade laser, impero, Jedi e Sith. E’ una delle colonne sonore che più si è legata con il film per cui è stata composta. Naturalmente nel 1978 vinse l’Oscar come miglior colonna sonora.

 

 

 

6. Flashdance – Giorgio Moroder

Che dire della colonna sonora di Flashdance. Quando uscì il film nel 1983  la dance music era uno dei capisaldi della musica mondiale. Giorgio Moroder, dj e produttore italiano, compose la musica che sin dall’uscita del film fu un successo. Ancora oggi a 30 anni di distanza la canzone più famosa del film Flashdance…What a Feeling, composta da Moroder insieme a Keith Forsey e cantata da Irene Cara, viene ballata nelle discoteche. Nel 1984 vinse Oscar e Golden Globe e il disco vendette più di 20 milioni di copie in tutto il mondo.

 

 

5. C’era una volta in America – Ennio Morricone

Ennio Morricone e Sergio Leone, una collaborazione che ha prodotto risultati notevoli. Il periodo spaghetti western è segnato dalla collaborazione tra i due artisti italiani. Il connubio perfetto della loro collaborazione è nell’ultimo film del regista romano: C’era una volta in America. Con questa colonna sonora Morricone vinse il Premio Bafta e il Nastro d’argento, oltre che la nomination al Golden Globe. Non vinse l’Oscar, premio che non è riuscito a conquistare nella sua carriera, fino al 2010 quando da Clint Eastwood gli fu consegnato il premio alla carriera.

 

 

4. La vita è bella – Nicola Piovani

Anche la quarta posizione è il frutto di una collaborazione tra due artisti italiani Roberto Benigni, regista del film e Nicola Piovani autore della colonna sonora. La melodia è fantastica ed è stato un grande successo grazie anche alla cantante israeliana Noa che lo ha ripreso con l’aggiunta del testo con il titolo di Beautiful That Way. La sera degli Oscar del 1999 fu una delle più belle per il cinema italiano che ricevette grazie a La vita è bella ben 3 premi: miglior colonna sonora, miglior film straniero e miglior attore protagonista (Roberto Benigni)

 

 

3. Il Gladiatore – Hans Zimmer e Klaus Badelt

Sul gradino più basso del podio si classifica la colonna sonora de Il Gladiatore. La scena di Russell Crowe disteso sulla sabbia del Colosseo mentre muore dopo essere stato ferito a morte dall’Imperatore, con le visioni della famiglia e della sua casa unita alla splendida Now we are freecomposta da Hans Zimmer e Klaus Badelt e cantata da Lisa Gerrard, è forse il momento più bello e toccante del colossal diretto da Ridley Scott.

 

 

 

2. Il mago di Oz – Harold Arlen e Yip Harburg

Sono passati più di 70 anni da quando Dorothy (Judy Garland) cantava Somewhere over the rainbow, l’immortale canzone composta da Harold Arlen e Yip Harbur per il film Il mago di Oz. La canzone è uno dei classici più conosciuti, è stata riproposta in tantissime versione ed è tutt’oggi conosciutissima, anche se molti non sanno che è una canzone composta nel 1939. La canzone valse ai 2 compositori il premio Oscar del 1940. 

 

 

1. The Mission- Ennio Morricone

E’ la colonna sonora di The Mission composta da Ennio Morricone secondo noi la più bella colonna sonora di tutti i tempi. Gabriel’s Oboe, di cui è stata poi diffusa una versione con le parole, intitolata Nella Fantasia, il cui testo è stato scritto da Chiara Ferraù è stato un successo internazionale cantato da tantissimi artisti di fama internazionale. Caratteristica di questa meravigliosa composizione di Ennio Morricone è la capacità di trasmettere grandi emozioni grazia a pochi strumenti che fanno da cornice al protagonista della melodia l’Oboe. Grazie a questa colonna sonora anche il film, non certo indimenticabile, è diventato uno dei classici del cinema mondiale.

 

Vedi anche

Altri articoli