“La vita possibile”: Margherita Buy, Valeria Golino e tanta voglia di ricominciare

Trailer
schermata-09-2457652-alle-16-06-17

In uscita giovedì il nuovo film di Ivano De Matteo: la storia di madre e figlio che scappano dalla loro vecchia vita e sono costretti a reinventarsi in una nuova città

schermata-09-2457652-alle-16-09-47“Volevo raccontare la storia di una famiglia distrutta che cerca la sua redenzione.”. Con questa dichiarazione d’intenti, Ivano De Matteo descrive il tema centrale del suo nuovo film, La vita possibile, in uscita giovedì nelle sale italiane. La pellicola è incentrata sulle vicende di Anna (Margherita Buy) e Valerio (Andrea Pittorino), madre e figlio che scappano da un marito violento, approdando da Roma a Torino, a casa di Carla (Valeria Golino), un’amica di vecchia data di Anna. La storia si snoda attraverso il percorso che madre e figlio devono intraprendere per inventarsi una nuova vita, tra difficoltà e incontri provvidenziali: come quello con Mathie (Bruno Todeschini), ristoratore francese che inizia a prendersi cura di Valerio.

Regista di film, serie tv e documentari, nonché attore, Ivano di Matteo specifica che per costruire il personaggio di Valerio, e connotare in maniera realistica le sue reazioni a una situazione di “sradicamento” ha “parlato con un neuropsichiatra infantile, scoprendo, tra l’altro, che in caso di disagio infantile, il ragazzino non può ricevere cure psichiatriche se non con il consenso del padre”.

Oltre ai difficili tentativi di ambientarsi del ragazzino, a essere indagato nel film  c’è il tumultuoso vissuto di sua madre. ”Per entrare nel personaggio ho lavorato molto sull’essere madre e sui sensi di colpa che si possono provare verso il proprio figlio  in situazioni del genere”, spiega Margherita Buy, che sembra essere riuscita molto bene in questa operazione d’immedesimazione, “mia figlia, che è quasi coetanea del personaggio di Valerio, si è addirittura ingelosita” confessa l’attrice. Nel cast anche la bielorussa Caterina Shulha: ”Girare questa pellicola è stata un’esperienza ‘mistica’ – riferisce l’attrice – molte ragazze che hanno fatto da comparsa nel film questo mestiere lo fanno veramente”.

 

Vedi anche

Altri articoli