La terza via di Bersani: “È uno scontro fra due torti”

Politica e Giustizia
bersani

L’ex segretario del Pd bacchetta la politica ma invita a abbassare i toni

Nella dura polemica fra il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo e il governo interviene l’ex segretario del Pd Pier Luigi Bersani che, in un post su Fb, sceglie una via intermedia, bacchettando la politica ma invitando però ad abbassare i toni. Per Bersani, si tratta di “uno scontro fra torti”.

“La politica abbia un suo codice e sia capace di tenere le funzioni pubbliche al riparo dal disonore, con buone pratiche e buone leggi. Se non si parte da questo non sarà mai possibile sradicare quella richiesta di supplenza che una parte dell’opinione pubblica rivolge alla magistratura. Una richiesta a cui qualche magistrato (e non la magistratura!) non sa resistere”.

E infatti aggiunge: “Consiglio a tutti (a cominciare da noi politici) di abbassare tono parole e alzare quello dei fatti”, aggiunge.

“A proposito di politica e giustizia. La Costituzione impone che le funzioni pubbliche siano esercitate con disciplina e onore. Qui non si parla (solo) di reati. Non si parla di magistratura. Si parla di una politica che abbia un suo codice”, scrive ancora l’ex segretario del Pd.

“Quanto alle polemiche di questi giorni, non guasterebbe una presa d’atto della realtà. Nella vita comune i cittadini considerano sia la politica sia la giustizia come dei servizi che devono funzionare. Si pensa comunemente che nessuno dei due funzioni bene. Le polemiche quindi non vengono lette come scontro tra due ragioni ma piuttosto come scontro tra due torti”.

“Chi ne discute infatti usa il bilancino dei torti, non delle ragioni. Ciò dovrebbe suggerire a tutti (a cominciare da noi politici) di abbassare il tono delle parole e di alzare il tono dei fatti”, conclude Bersani.

 

Vedi anche

Altri articoli