La politica e la stampa unite nel ricordo di Carlo Azeglio Ciampi, con qualche eccezione

Politica
5c38d322a649e0b3123c1eec6877bb98-016-kj6c-u430201036920553ale-1224x916corriere-web-sezioni-593x443

Il commiato quasi unanime del Paese al Presidente emerito, anche se qualcuno non ha resistito all’irrefrenabile voglia di fare propaganda

La morte di Carlo Azeglio Ciampi ha unito gran parte del Paese, d’altronde è stato uno dei presidenti più amati ed ha restituito agli italiani l’amore per la Repubblica. Gran parte, non tutta però. C’è chi come Salvini dice che “Ciampi  è uno dei traditori dell’Italia e degli italiani“, seguito a ruota dal quotidiano Libero che in prima pagina dedica al Presidente emerito due articoli dal titolo “Tutto fumo e niente a posto” a firma di Renato Farina, e “Il disastro Euro ha la sua faccia” a firma Franco Bechis.

C’è chi come il MoVimento 5 Stelle ha semplicemente ignorato la notizia, sui profili social dei big e di Grillo non c’è una riga per ricordare Ciampi, eccezion fatta per i sindaci grillini che hanno espresso il loro cordoglio per la scomparsa dell’ex Presidente.

Il resto dell’Italia, dalla stampa alla politica ricorda affettuosamente il Presidente Ciampi, un grande europeista che nel suo settennato ha riacceso negli italiani l’orgoglio nazionale. Dal Corriere “Il presidente degli italiani che amò l’Europa”, a Repubblica “Ciampi, l’orgoglio di essere italiani”, in molti sui quotidiani nazionali puntano sulla figura di unità nazionale che Carlo Azeglio Ciampi ha rappresentato.

Oggi pomeriggio dalle 16 alle 20 e domani mattina dalle 9 alle 13, a Palazzo Madama, sarà aperta la camera ardente. Lunedì mattina, invece, si svolgeranno i funerali privati di Ciampi, a Roma: sarà giornata di lutto nazionale, ha deciso il governo, e sugli edifici pubblici di tutta Italia verranno esposte le bandiere a mezz’asta.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli