La Francia è troppo forte, per l’Italia della spada maschile è argento

Olimpia
epa05483617 Benjamin Steffen (L) of Switzerland in action against Paolo Pizzo (R) of Italy during men's epee team quarterfinals of the Rio 2016 Olympic Games Fencing events at the Carioca Arena 3 in the Olympic Park in Rio de Janeiro, Brazil, 14 August 2016.  EPA/JOSE MENDEZ

Nell’ultima gara del programma di scherma a Rio arriva un argento per l’Italia, che dopo aver vinto con Svizzera e Ucraina perde contro i transalpini. Bronzo per l’Ungheria

I ragazzi della spada maschile non riescono a compiere la terza impresa. Dopo le vittorie con Svizzera e Ucraina ai quarti e in semifinale, gli azzurri cedono contro i forti transalpini. Non c’è stata gara fin dal primo assalto, i francesi hanno subito preso in mano le redini del match e hanno conquistato un meritato oro.

Poco male, perché l’argento olimpico per la spada maschile era poco pronosticabile prima dell’inizio delle gare. I quattro ragazzi azzurri Marco Fichera, Enrico Garozzo, Paolo Pizzo e Andrea Santarelli subentrato solo in finale, hanno fatto una piccola impresa sportiva vincendo contro avversari molto quotati e giungendo sino alla finale.

Nella finale per il bronzo l’Ungheria vince di misura sull’Ucraina in un match che nei primi assalti è stato molto tattico.

Con questo argento il bottino della scherma azzurra sale ad 1 oro e 3 argenti, un buon risultato, ma che rispetto alle precedenti Olimpiadi, chiuse con 3 ori, 2 argenti e 2 bronzi, è deludente.

Nel medagliere l’Italia sale a 21 medaglie: 7 ori, 8 argenti e 5 bronzi.

Vedi anche

Altri articoli