“La destra non strumentalizzi, la sicurezza è di tutti”. Parla il sindaco di Vaprio d’Adda

Sicurezza
0d48698ba6aa1a13b879ffa0673a9a0f-kI0G-U106018128174610nD-700x394@LaStampa.it

Nellla cittadina vicino Milano un pensionato uccide un ladro e la destra si intesta la battaglia ideologica

“Incredibile che vengano fatte della barricate ideologiche sulla sicurezza.  Questo è un tema che non è né di destra né di sinistra, ma appartiene a tutti”. Non usa giri di parole il sindaco di Vaprio d’Adda (Milano) Andrea Benvenuto Beretta che racconta a Unità.tv le sue impressioni dopo che nella sua cittadina un corteo è sfilato nella serata di martedì 20 sotto la casa di Francesco Sicignano, il pensionato che ha sparato e ucciso un ladro nel suo appartamento ed è ora accusato di omicidio volontario.

La corsa per cavalcare la paura è stata immediata, con la destra che ha sgomitato per intestarsi la difesa dell’uomo salutato come “eroe”(“Sei uno di noi”): Fratelli d’Italia in prima linea ha organizzato la manifestazione sotto casa di Sicignano,  ma anche l’eurodeputato della Lega Buonanno che ha proposto un fondo per incentivare l’acquisto di una pistola e Roberto Maroni pronto a pagare le spese legali. Immancabile anche Matteo Salvini che non ha resistito a pronunciare il suo prevedibile “se l’è cercata”.

“Sono due gli aspetti da raccontare di questa vicenda”, ci spiega il sindaco che precisa che si tratta comunque di una disgrazia sia per la vittima che per l’autore dell’omicidio. E aggiunge: “I cittadini spesso non denunciano nemmeno più i furti. Sono talmente scoraggiati da non affidarsi alle forze dell’ordine, alle istituzioni. Denunciare è però fondamentale, serve per alzare il livello di attenzione e, quindi, questo è il mio invito. Altro discorso riguarda, invece, la necessità di affrontare il problema strutturalmente. Occorre dare più attenzione e risorse a chi è operativo sui territori e lavora sul campo. Per le forze dell’ordine è difficile presidiare territori ampi, come nel nostro caso. Un problema, questo, non banale”.

E anche se il capo della Polizia Alessandro Pansa, dati nazionali alla mano, nemmeno due giorni fa ha certificato che “nei primi 8 mesi del 2015 i reati si sono ridotti del 10%” ha anche aggiunto che “la percezione della sicurezza è ancora scarsa e resta un tema fondamentale”.

Un’ impressione che ci conferma anche Pierangelo Mattavelli, segretario del circolo Pd della città: “La cittadinanza è stanca di furti, stanca della percezione di mancanza di sicurezza nel Paese, ma sicuramente i commenti che ci sono in giro sono contro la manifestazione che c’è stata sotto casa di questo signore. Non è accettabile che una parte politica si impossessi di un avvenimento e ne faccia una bandiera ideologica. Certo sulla reazione di questo pensionato farà luce la magistratura, se sia legittima o meno la difesa, ma è evidente che ogni persona vuole stare in casa propria senza il timore di subire furti”.

Vedi anche

Altri articoli