Kittel fa il bis e si veste di rosa

Maglia rosa
epa05294926 German rider Marcel Kittel (C) of the EtixxQuick-Step team celebrates after winning the third stage of the Giro d'Italia cycling race over 190km between Nijmegen and Arnhem, Netherlands, 08 May 2016.  EPA/VINCENT JANNINK

Il tedesco domina la volata di Arnhem e martedì tornerà in Italia con il simbolo del comando

Marcel Kittel dimostra una volta di più di essere il velocista più forte in circolazione. Vince la volata la terza tappa del Giro d’Italia 2016 praticamente per distacco, con Elia Viviani e Giacomo Nizzolo che non riescono nemmeno a rimanere in scia al velocista tedesco. Così Kittel conquista la quarta vittoria al Giro, curiosamente nessuna di queste ottenuta in Italia, e potrà sfoggiare la maglia rosa al via da Catanzaro martedì.

Doveva essere volata e volata è stata, ma con il brivido perché il gruppo ha raggiunto l’ultimo fuggitivo di giornata Johann Van Zyl solo ai meno 1,8 Km. Sarebbe stata una bella impresa per il sudafricano che insieme a Julen Amezqueta, e ai fuggitivi di ieri Giacomo Berlato e Maarten Tjallingii, nuova maglia blu, ha percorso quasi 190 km all’attacco. Una tappa frizzante con qualche tentativo di ventaglio, non andato a buon fine.

Domani la carovana si sposterà a Catanzaro, da dove martedì partirà la quarta tappa, dal capoluogo calabrese a Praia a Mare. Una tappa nervosa con un finale adatto ad attacchi. I big quasi sicuramente rimarranno coperti, ma si potrebbero vedere azioni interessanti delle seconde linee. La salita di via del fortino che inizia a 10,5 Km dall’arrivo sarà un perfetto trampolino di lancio, 1,8 Km con pendenza media del 7% e con punte del 18%.

Marcel Kittel proverà a tenere ancora la maglia, ma sarà un’impresa molto difficile visto il finale di tappa. Domoulin avrà l’occasione di poter tornare in rosa, anche se ci potrebbero essere delle sorprese.

Leggi anche –>> Guida al Giro d’Italia 2016

Vedi anche

Altri articoli