Iraq, fermato un bambino a Kirkuk: doveva essere usato come bomba

Terrorismo
babykamikaze

Online sono state diffuse le fotografie e i video della polizia che intercetta il bambino, che avrebbe agito per lo Stato islamico

Un bambino di circa 12 anni è stato intercettato nella notte dalla polizia di Kirkuk, in Iraq, mentre era pronto a far esplodere la cintura esplosiva che indossava sotto una maglietta del calciatore del Barcellona, Lionel Messi.

Online sono state diffuse le fotografie e i video della polizia che intercetta il bambino, che avrebbe dovuto agire per lo Stato islamico. Le immagini mostrano il piccolo in lacrime quando viene fermato dagli agenti, che lo spogliano e gli tolgono la cintura esplosiva, poi fatta detonare in modo controllato.

Non è chiaro se il bambino volesse commettere l’attacco o sia stato costretto dal gruppo jihadista, ha riferito la testata curda Rudaw. Nello stesso giorno, ieri, le forze di sicurezza irachene a Kirkuk hanno sventato anche un altro attacco, quando un kamikaze è entrato in una moschea sciita ma si è fatto esplodere prima di poter colpire la folla, ferendo le due guardie che lo avevano fermato e altre due persone. Anche l’attacco suicida di Gaziantep, in Turchia, è stato commesso da un bambino, di età compresa tra 12 e 14 anni.

Vedi anche

Altri articoli