Italia-Irlanda con lo sguardo (e il pensiero) già alla Spagna

Euro 2016
Italys head coach Antonio Conte during a walk through at the Stadium Nord Lille Metropole, in Villeneuve-d'Ascq near Lille, France, 21 June 2016.Italy will face Ireland in a UEFA EURO 2016 Group E match in Lille on 21 June. Ansa/Daniel Dal Zennaro

L’ultima partita del girone, ininfluente ai fini del risultato nel girone per la nostra Nazionale, dovrà dare dei segnali al Ct Conte sul valore delle seconde linee azzurre

E’ il giorno di Italia-Irlanda, ultima partita del girone per gli azzurri. I ragazzi di Conte affrontano la partita conoscendo già il nome dell’avversaria agli ottavi di finale, che purtroppo è la formidabile Spagna di Vicente Del Bosque. La partita per gli uomini di Conte a livello di risultato non conta granché, mentre per gli irlandesi il successo è fondamentale per proseguire il cammino europeo. Nonostante ciò sarà un test importante per due motivi.

Il primo motivo è la formazione. Il Ct dovrebbe attuare un ampio turnover, dare spazio a chi finora non ne ha trovato molto. Chi vuole ritornare nei piani di Conte oggi dovrà dimostrare il proprio valore, lo spirito di sacrificio e la voglia di vincere. Dunque la partita di questa sera sarà molto importante per questi giocatori.

ita_vs_ire_dreamteam2016Lo schema di gioco rimarrà il 3-5-2 tanto caro ad Antonio Conte. In porta al posto del capitano Buffon ci sarà Salvatore Sirigu. La difesa sarà nuova per due terzi, con Ogbonna e Darmian che prenderanno il posto dei diffidati Bonucci e Chiellini.

Il centrocampo sarà totalmente rivoluzionato con il solo Florenzi confermato rispetto ai titolari contro la Svezia. Ballottaggio a sinistra tra il romanista El Shaarawy e il viola Bernardeschi, al momento è in vantaggio il Faraone, ma non sarebbe sorprendente vedere il giovane viola nell’undici titolare.

L’attacco sarà composto da Immobile e Zaza, entrambi entrati bene rispettivamente nella prima e nella seconda partita, faranno di tutto per convincere Antonio Conte a riconfermarli. Ancora panchina invece per Lorenzo Insigne, che nonostante una straordinaria stagione con il Napoli sembra non convincere Conte.

Il secondo è dare un segnale agli avversari. Nessuno finora ha chiuso il girone a punteggio pieno, le altre favorite hanno faticato e non poco per conquistare il primato nel proprio girone e alcune non ci sono riuscite vedi Spagna e Inghilterra. Chiudere il girone a punteggio pieno darebbe una spinta in più al morale, già alto dopo le prime due partite.

E’ innegabile però che ogni commento e ogni minuto della partita di stasera sarà rivolto alla sfida di lunedì contro la Spagna. E’ innegabile il sorteggio non è stato positivo per l’Italia e paradossalmente con un secondo posto avremmo avuto un cammino più semplice. La partita con la Spagna sarà una vera e propria battaglia, anche visti gli ultimi precedenti che ci hanno visti sconfitti nelle ultime due edizioni dagli europei dagli iberici (nei quarti di finale nel 2008, in finale nel 2012). La squadra di Del Bosque non ha dato l’impressione di essere una squadra solida, sicuramente non quella imbattibile che il mondo ha conosciuto tra il 2008 e il 2012.

Sarà una sfida dura, ma ci sarà il tempo per analizzarla, oggi ci si dovrà concentrare solo sull’Irlanda, perché una vittoria farebbe bene al morale e non solo. Appuntamento dunque alle 21:00 su Rai 1 e Sky Sport 1, per tifare questa Nazionale che partita dopo partita sta suscitando sempre maggiore entusiasmo.

Vedi anche

Altri articoli