Renzi: “1 miliardo in sicurezza, 500 euro ai diciottenni per la cultura”

Terrorismo

Maggiori investimenti in cyber security e forze dell’ordine, ma anche fondi per le periferie

“L’Italia non cambia la propria posizione dopo i fatti di Parigi; si riconosce nella coalizione internazionale più ampia possibile, in cui il ruolo degli Usa è cruciale per sconfiggere il fondamentalismo. L’Italia si mantiene fedele al principio per cui una coalizione internazionale necessità del rispetto delle regole del diritto internazionale”

“Senza nessuna strategia per il dopo, qualsiasi adesso diventa inutile”

“Non cambieremo il nostro modo di vivere, non ci rassegneremo al terrore, si arrenderanno prima loro” perché “la cultura è più grande dell’ignoranza, la bellezza è più forte della barbarie”

“Proprio oggi l’Italia piange una sua figlia, morta mentre andava a un concerto. L’unico modo di ricordare Valeria è quello di continuare a camminare a testa alta. Se ci chiudessimo in casa, vincerebbero i terroristi”

“Qualcuno sta cercando di equiparare gli immigrati ai terroristi. Ma ci sono verità inoppugnabili, e chi vuole farci credere che il nemico venga solo da fuori, nascondendo che è cresciuto nelle nostre periferie, che basti chiudere le frontiere” per respingerlo, “sa che sta dando vita a una mediocre illusione”

“La nostra risposta deve essere articolata, ampia, non solo emotiva. Abbiamo il dovere di restare umani, ma asciugate le lacrime è tempo di reagire. Per ogni euro in più investito sulla sicurezza, ci deve essere un euro in più investito in cultura. La risposta non può essere solo securitaria”

“Il governo proporrà di spostare al 2017 la diminuzione dell’Ires. Impiegheremo due miliardi di euro: un miliardo andrà alla sicurezza e un miliardo sulla nostra identità culturale”

Di questi investimenti, 150 milioni di euro andranno per la cybersecurity;

500 milioni di euro per la difesa italiana;

500 milioni andranno per le città metropolitane e “per un intervento sulle periferie di riabilitazione e, come direbbe Renzo Piano, rammendo”;

Il bonus da 80 euro sarà esteso a “tutte le donne e gli uomini che lavorano con le forze dell’ordine, a partire da chi sta sulla strada”;

“I 550mila italiani che compiono diciotto anni potranno usufruire di una carta bonus di 500 euro annui per poter partecipare a iniziative culturali”;

50 milioni di euro andranno alle borse di studio: “Chi è meritevole di studiare non può essere fermato per questioni di reddito, anche questo è un pezzo della risposta al terrore”;

150 milioni di euro saranno destinati per “donare a tutti i cittadini che lo vorranno la possibilità di dedicare il 2 per mille a un’associazione culturale”.

>>>Leggi le linee guida dell’intervento di Matteo Renzi

Vedi anche

Altri articoli