Italbasket, buona (anche) la seconda: battuta la Croazia a Torino

Olimpia
Marco Belinelli in azione durante la partita Italia-Croazia del Fiba Qualifyin Tournament 2016 presso il Palalpitour, Torino, 5 Luglio 2016 ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Per gli azzurri di Ettore Messina bella vittoria contro gli insidiosi croati. Ora ci si gioca il pass per Rio tra venerdì e sabato

Missione compiuta per l’Italia di Ettore Messina, che nella seconda giornata del preolimpico di Torino supera per 67-60 la Croazia. Vittoria fondamentale quella ottenuta dagli azzurri, che hanno conquistato il primo posto nel girone e attendono la sfida di domani tra Grecia e Messico per conoscere l’avversaria in semifinale. Decisiva, oltre alla prova delle stelle Belinelli (19 punti) e Gallinari (12) nei minuti finali, anche le prestazioni di Hackett e Melli. Il primo ha difeso e attaccato con grande efficacia, catturando anche otto rimbalzi, mentre il secondo ha creato e imperversato nell’area avversaria, giocando anche da centro puro per diversi minuti.

Dopo un inizio di partita tutto di marca azzurra, con Gallinari, Bargnani e Belinelli in grande evidenza, Bogdanovic (26 punti) e Saric (11) hanno iniziato a tempestare la retina italiana, riportando a contatto e successivamente in vantaggio la Croazia sul 21-23. La scarsa vena dell’attacco azzurro, contrapposta allo strapotere di Bogdanovic, autore di 19 punti in 20′, e la difesa croata hanno rallentato la marcia azzurra, chiusa a metà partita sul 35-35.

Identico il copione nella ripresa, con Bogdanovic e Saric a reggere l’attacco croato e l’Italia aggrappata alle iniziative offensive di Belinelli e di un Hackett letteralmente in trance agonistica. Con Gallinari e Belinelli in panchina a rifiatare, l’Italia ha piazzato il break decisivo sul finire del terzo periodo: Hackett, Melli e Gentile hanno prodotto il 51-43 del 28′, Saric ha riavvicinato la Croazia fino al 54-47 del 30′. Il primo canestro dal campo di Datome ha aperto l’ultima frazione, prima che Saric e Bogdanovic riportassero a contatto gli slavi sul 56-53.

Negli ultimi 5′, con l’Italia in vantaggio 60-55, ci ha pensato Datome con una tripla a far esplodere l’entusiasmo del PalaOlimpico, raffreddato da Hezonja con la stessa moneta. Nel concitato finale la difesa dell’Italia è salita in cattedra: il tiro di Saric per riaprire la partita, sul 63-58, si è spento contro il ferro: due giocate strepitose di Gallinari hanno chiuso il match. L’Italia si gode così il primo posto nel girone, consapevole che per arrivare a Rio servirà ancora qualcosa in più.

Le squadre favorite a strappare la qualificazione olimpica nel torneo torinese, a questo punto, restano due: Italia e Grecia. La formula vede le sei squadre divise in due gironi (Grecia, Iran e Messico il gruppo A e Italia, Croazia, Tunisia il gruppo B). Le prime due classificate nei gironi si scontreranno in semifinali incrociate (venerdì 8 luglio per gli azzurri probabilmente ci sarà il Messico), prima della finale di sabato 9 luglio che porterà la vincente a Rio.

 

Vedi anche

Altri articoli