Una piccola isola che non ha paura di aprirsi al mondo. La lezione irlandese

Sport

Lo spot che promuove la candidatura irlandese ad ospitare i mondiali di rugby del 2023 è un inno al coraggio, alla speranza e alla fiducia in se stessi e negli altri. E un grande messaggio contro la paura che sta lacerando il nostro mondo

Ireland, ready for the world“. La storia splendidamente narrata dall’inconfondibile voce di Liam Neeson è la storia di una piccola isola che non ha paura del mondo. Il messaggio che viene lanciato dal bellissimo video promozionale della candidatura irlandese ad ospitare i mondiali di rugby del 2023 è un inno alla modernità, alla diversità, al mondo inteso come un’unica comunità di uomini e donne che condividono passioni e sentimenti. E’ la storia di un luogo che una volta era l’ultimo passaggio prima dell’ignoto e grazie alla capacità di creare e di condividere, di soffrire e di offrire, di essere piccolo e pensare in grande, è riuscito a trovare il suo posto in un mondo nuovo, differente. E’ la storia di un popolo che ha conosciuto pagine oscure ma che è stato in grado di ricrearsi anche lontano dalla propria terra, di scrivere pagine importanti nella storia dell’umanità. E’ la storia opposta a quella narrazione nichilista, protezionista e oscurantista che oggi va per la maggiore. E’ un messaggio contro la paura, contro le istanze d’odio che stanno lacerando il nostro mondo. E’ soprattutto un inno al coraggio, alla speranza, alla fiducia in se stessi e negli altri. Una grande lezione per chi oggi preferisce soffiare sulle paure della gente, cavalcandole indegnamente.

Vedi anche

Altri articoli