Iraq, l’esercito caccia i terroristi e si riprende il centro di Ramadi

Mondo
ramadi

Il centro della città di Ramadi, capoluogo della provincia sunnita irachena di al Anbar, è ormai nelle mani dell’esercito iracheno

L’esercito iracheno ha il ”pieno controllo” del centro di Ramadi, il capoluogo della provincia di al-Anbar nell’Iraq occidentale che era in mano al sedicente Stato Islamico (Is) dallo scorso maggio. Lo riferiscono fonti ufficiali delle forze della sicurezza irachena, mentre un portavoce del governatore della provincia di al-Anbar, Muhannad Haimour, ha detto alla Bbc che bisogna essere ”cauti nel dichiarare vittoria” in quanto in città restano ”sacche di resistenza”, seppur ”molto deboli”. ”Riteniamo di avere il pieno controllo del centro di Ramadi – ha detto Haimour – Ma bisogna essere molto cauti nel dichiarare vittoria fino a quando non avremo un annuncio ufficiale da parte dell’ufficio del primo ministro”. Muhannad ha aggiunto che la zona in mano all’esercito è stata bonificata dalla presenza di esplosivi e si ritiene che i jihadisti dell’Is non siano ora più ”in grado di lanciare attacchi alle forze di sicurezza”. Ramadi, città a maggioranza sunnita a 90 chilometri a ovest da Baghdad, a maggio è caduta nelle mani dell’Is rappresentando una sconfitta imbarazzante per l’esercito iracheno, che si è ritirato all’avanzata dei jihadisti praticamente senza combattere.

Vedi anche

Altri articoli