Iran: oggi la revoca delle sanzioni, al via l’accordo sul nucleare

Mondo
CY2a2PoUoAIQZxe

Una volta annunciata formalmente l’osservanza dell’accordo, l’Unione europea, gli Stati Uniti e l’Onu dovranno procedere a una revoca graduale delle sanzioni internazionali che hanno finora gravato sull’economia dell’Iran

“Tutte le oppressive sanzioni imposte contro l’Iran saranno annullate oggi”: lo ha detto oggi Mohammad Javad Zarif il ministro degli esteri iraniano parlando con la televisione di Teheran. L’accordo con i 5+1 reggerà, ha aggiunto il ministro, e nessuna delle parti “permetterà che il risultato di questi colloqui vada sprecato”.

L’ “implementation day” per lo storico accordo sul nucleare iraniano è atteso nel weekend, forse già oggi, come lasciano trapelare varie fonti diplomatiche e come fa capire anche il capo della diplomazia Ue, Federica Mogherini.

Ma Washington avvisa: non sospenderemo le sanzioni economiche a Teheran finché l’Aiea (l’Agenzia Onu per l’energia nucleare) non avrà verificato in modo indipendente che siano stati completati tutti i passi previsti dall’intesa raggiunta lo scorso luglio tra l’Iran e il gruppo di negoziatori internazionali, il cosiddetto ‘5+1′ (Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna e Germania). Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha riconosciuto che Teheran sta facendo progressi importanti nel ridimensionare il suo programma nucleare e che forse ha già completato tutti gli ‘step’ necessari. Ma gli Usa subordinano la revoca delle sanzioni, che per Teheran valgono miliardi di dollari, alla verifica dell’Aiea, che secondo Earnest è più di una tecnicalità. Gli Usa, ha sottolineato, vogliono essere sicuri che l’Iran “non prenda scorciatoie”. E, giusto per far capire che Washington resta intransigente sulla violazione delle norme internazionali, il portavoce della Casa Bianca non ha escluso sanzioni a Teheran per altre sue attività, come i test dei missili balistici.

Ma la cautela e i moniti di Washington appaiono più come un gioco delle parti, un tentativo di rassicurare l’opinione pubblica americana togliendo argomenti di contestazione ai Repubblicani e ai loro candidati presidenziali, a due settimane dall’inizio di primarie che si annunciano incandescenti. Del resto Obama ha difeso anche nel suo recente discorso sullo stato dell’Unione l’accordo sul nucleare iraniano (“ha evitato un’altra guerra”), che dovrebbe restare una dei suoi pochi successi di politica estera. E la recente liberazione lampo dei dieci marinai americani catturati dai pasdaran dopo lo sconfinamento nel Golfo Persico, nonostante l’umiliante video iraniano sulla loro cattura, sembra confermare la nuova stagione diplomatica tra Washington e Teheran dopo decenni di gelo.

Anche fonti diplomatiche a Vienna confermano che ormai “quasi tutti i dettagli sono stati risolti”, mentre secondo l’agenzia russa Ria Novosti gli uffici dell’Onu a Ginevra si stanno preparando ad ospitare i rappresentanti dell’Iran e del ‘5+1′ per colloqui a breve, secondo fonti delle Nazioni Unite.

“Rappresentanti americani ci hanno chiesto di essere pronti dalle 12″ ora di Mosca (le 11 italiane), ha confidato la fonte. L’ottimismo è stato alimentato pure dalla Mogherini: “Mi auguro di potervi dare una conferma nelle prossime ore. Sta andando nella giusta direzione”, ha dichiarato l’Alto rappresentante Ue per gli affari esteri e la sicurezza rispondendo alle domande dei giornalisti sull’entrata in vigore
dell’accordo sul nucleare iraniano. Dirigenti iraniani hanno annunciato che il ministro degli Esteri di Teheran Mohammad Javad Zarif e la Mogherini faranno una dichiarazione sabato o domenica sull’ “Implementation Day” e la revoca della sanzioni. Dopo l’accordo della scorsa estate, l’Iran ha ridotto drasticamente il numero delle centrifughe installate nei suo siti di arricchimento, ha consegnato tonnellate di uranio a basso arricchimento alla Russia e ha smantellato il nucleo del suo reattore nucleare di Arak. Ora si attende il disco verde dell’Aiea per vedere se tutti gli impegni sono stati mantenuti: nelle prossime ore potrebbe essere girata una pagina storica.

Vedi anche

Altri articoli