Innovazione, il Pd promuove la nascita delle smart city

Innovazione
smart-cities

La proposta di legge disegna una cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio dei ministri con il compito di assicurare il coordinamento dei processi di innovazione e di sviluppo delle smart city

E’ stata presentata oggi presso la Sala Stampa di Montecitorio la proposta di legge N. 3571 per favorire l’innovazione e lo sviluppo tecnologico delle città, cioè promuovere la nascita delle c.d. smart city. La proposta di legge porta la firma dell’On Silvia Fregolent, vicepresidente del Gruppo PD alla Camera dei Deputati, ed è stata elaborata in occasione della tappa torinese dell’InnovationTOUR: un progetto di innovazione legislativa partecipata dedicato ai giovani promosso dal think tank Cultura Democratica nelle principali città universitarie italiane.

La proposta presenta importanti caratteri di innovatività, sia nel merito che nel metodo utilizzato per elaborarla. Per quanto concerne il metodo si tratta del frutto del lavoro di più di 150 giovani under 30, che hanno lavorato per tre mesi effettuando studi e ricerche ed elaborando il testo di legge attraverso un’intensa attività di co-working coordinata da Cultura Democratica nel corso di un workshop e attraverso un’APP appositamente sviluppata dal think tank che ha consentito l’interazione a distanza tra i partecipanti tramite smartphone e tablet.

Ma la proposta è profondamente innovativa anche nel merito del suo contenuto: le Smart City sono un tema di cui si parla molto nel dibattito pubblico, senza mai entrare nello specifico di cosa siano e di come promuoverle effettivamente. La proposta di legge fornisce delle risposte semplici ed efficaci a queste domande introducendo degli strumenti operativi moderni ed innovativi.

In particolare, la proposta di legge definisce “Smart city” i luoghi ed i contesti, riferiti agli enti territoriali di livello comunale, metropolitano o di area vasta, nei quali siano stati avviati processi di innovazione ovvero siano stati adottati sistemi tecnologici finalizzati alla gestione innovativa delle risorse e all’erogazione efficiente di servizi integrati. Tali processi di innovazione devono prevedere espressamente l’utilizzo di tecnologie di gestione territoriale che sfruttino le potenzialità della rete e della connessione Internet.

E’ dunque l’utilizzo delle potenzialità della rete e delle più innovative tecnologie per la gestione delle aree urbane a rappresentare l’elemento cardine delle Smart City. Il quadro normativo vigente, tuttavia, non consente l’individuazione di un efficace modello di coordinamento delle eterogenee iniziative intraprese a livello locale, causando una dispersione nei processi di innovazione ed un’evidente difficoltà per gli Enti territoriali nell’accesso alle risorse finanziarie necessarie a sostenere questi fondamentali progetti di sviluppo delle comunità urbane.

La proposta di legge, pertanto, disegna una cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio dei ministri con il compito di assicurare il coordinamento dei processi di innovazione e di sviluppo delle smart city. Tale Unità, in particolare, elabora il “Piano nazionale per lo sviluppo delle smart city”, individuando le linee guida e gli standard tecnici e finanziari da seguire nello sviluppo dei processi di innovazione e nell’adozione dei sistemi tecnologici e fornisce, inoltre, assistenza tecnica e supporto al fine di individuare le opportunità di finanziamento dei processi di innovazione, mediante forme di partenariato pubblico-privato, fondi strutturali europei e fondi nazionali.

Altro elemento fortemente innovativo della proposta di legge è l’introduzione di strumenti giuridici innovativi che consentano agli Enti locali di creare partnership con altri soggetti pubblici o privati, quali aziende o università, al fine di realizzare concretamente i processi di innovazione descritti. I principali strumenti di cui si propone l’introduzione sono i Campus di innovazione sperimentale, le Fondazioni di partecipazione ed i Distretti urbani di innovazione sperimentale. Questi ultimi, in particolare, così come già avviene in Paesi quali Germania e Stati Uniti, consentirebbero al governo cittadino, mediante apporti di capitale privato, la progettazione e la realizzazione di interventi di innovazione urbana all’interno di una predefinita porzione di territorio, nel rispetto degli strumenti urbanistici vigenti, al fine di accrescere i servizi per i residenti e la fruizione dello spazio urbano.

La proposta di legge è stata incardinata presso la Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati. Sia l’On. Emanuele Fiano, capogruppo PD in Commissione I, che l’On. Ernesto Carbone, responsabile nazionale P.A., Innovazione e Made in Italy del Partito Democratico, entrambi presenti nella conferenza stampa, hanno auspicato un rapido esame del testo al fine di realizzare un’importante riforma destinata a incidere profondamente nel campo dell’innovazione facendo dell’Italia il Paese delle Smart City.

Guarda il video della conferenza stampa

Leggi il testo del disegno di legge

Federico Castorina, Presidente del think tank Cultura Democratica

Vedi anche

Altri articoli