Immigrazione, serve cambio di passo nazionale. La lettera di Beppe Sala

Migranti
Un agente della polizia Locale in servizio questa mattina in piazza Duca d'Aosta dove diversi migranti passano la giornata in attesa della riapertura delle frontiere, Milano,10 agosto 2016.
ANSA / MATTEO BAZZI

Il sindaco di Milano scrive a Repubblica per lanciare un appello al governo: “L’immigrazione non è un cerino da passare di mano in mano. E’ una questione gigantesca che chiede un radicale cambio di passo a livello nazionale

La questione immigrazione “non può riguardare solo i non molti Comuni che se ne occupano al limite delle proprie capacità. Il governo, soprattutto un governo di sinistra, deve provvedere a una nuova e efficace politica di integrazione, pianificata e dotata dei mezzi finanziari adeguati per far uscire da una condizione di provvisorietà le migliaia di profughi che stazionano nella nostra città come in altre parti del Paese”. Per il sindaco di Milano Giuseppe Sala, “l’immigrazione non è un cerino da passare di mano in mano. E’ una questione gigantesca che chiede un radicale cambio di passo a livello nazionale“, altrimenti – scrive in una lettera a Repubblica – finiranno per prevalere egoismi e paure, che porteranno altri milioni di voti ai populisti di ogni genere”.


Il testo integrale della lettera di Sala a Repubblica

In tema di immigrazione è tempo di prendere atto che le condizioni intorno a noi sono profondamente mutate. Non definiamola più emergenza, oggi siamo nel pieno di una dolorosa, costante problematica da gestire. Centinaia di migliaia di persone fuggono la guerra, la fame e la persecuzione. L’Unione Europea dimostra tutta la fragilità della sua politica, che sta rapidamente diventando impotenza.

Un’ulteriore stretta dei controlli alle frontiere e il rigetto di ogni forma di accoglienza sono dietro l’angolo in un numero crescente di Paesi. È quindi di tutta evidenza il clamoroso e doppio fallimento europeo: non riesce a controllare i flussi in partenza e non riesce a gestire qui le persone che arrivano.

L’Italia sta faticosamente facendo la sua parte. Questo va detto chiaro e forte. Come cittadino ritengo che l’accoglienza non sia una scelta, ma un dovere. Come sindaco di Milano sono convinto che la nostra città viva nell’accoglienza uno dei tratti distintivi della sua identità. Come uomo di sinistra penso che ogni singolo migrante vada richiamato ai suoi doveri, ma nel frattempo gli tendo la mano.

Proprio per questi motivi, sono consapevole del fatto che il nostro Paese deve passare a una consapevole gestione del fenomeno. L’Italia deve uscire dall’idea di essere una piattaforma di prima accoglienza. E’ certo che la questione non può riguardare solo i non molti Comuni che se ne occupano, ma che il governo, soprattutto un governo di sinistra, deve provvedere a una nuova e efficace politica di integrazione.

Non è facile, ma è da sinistra che deve arrivare la spinta ad affrontare la questione, attraverso una programmazione che coinvolga da subito le amministrazioni regionali. Milano sta facendo tutto il possibile. Negli ultimi tre anni abbiamo accolto oltre 100.000 profughi. Ma è necessario che il governo operi perché tutto questo non continui a pesare come un macigno sulle spalle della città. Abbiamo bisogno di una politica di integrazione seria, pianificata e dotata dei mezzi finanziari adeguati.

Il governo deve valutare se dare vita ad un unico soggetto che si occupi di immigrazione e accoglienza mettendo insieme i diversi tasselli del mosaico: il sistema Sprar, il rapporto con i Comuni, la circolazione di buone pratiche, l’uso di caserme e così via. A supporto del lavoro del Ministero degli Interni.

Bisogna poi costruire un nuovo e reale sistema di integrazione. Si tratta di proporre un nuovo patto a chi arriva: noi faremo tutto quello che serve a darvi una mano, voi mostratevi disponibili da subito ad aiutarci dove serve, mettendovi a disposizione di programmi per conoscere le nostre leggi e la nostra lingua.

Noi milanesi abbiamo nel lavoro e nella comprensione reciproca l’essenza più profonda del nostro stare insieme. Per questo a fine settembre avvieremo una sperimentazione per inserire centinaia di richiedenti asilo nelle attività di cura del territorio.

Oggi l’immigrazione non è un cerino da passare di mano in mano.

È una questione gigantesca che chiede un radicale cambio di passo a livello nazionale. O daremo sostanza a questo cambio di passo o finiranno per prevalere egoismi e paure, che porteranno altri milioni di voti ai populisti di ogni genere. L’Europa si sta rivelando su questo fronte più un ostacolo che un sostegno. Dobbiamo agire subito e bene, per fare quello che la nostra coscienza di governanti ci chiede di fare.

Vedi anche

Altri articoli