Il Sud torna a crescere dopo 7 anni

Sud
MILANO, 18/07/2013 - ARRIVO DELL'ULTIMA TALPA DELLA METRO 5 "LILLA"
NELLA FOTO: CANTIERE "CITY LIFE" VICINO ALLA ZONA DI SCAVO DELLA METROPOLITANA
FOTO DANIELE VANNINI / INFOPHOTO

Risultato molto positivo per l’agricoltura, ma crescono anche i comparti del commercio, dei trasporti e delle costruzioni

Con una crescita dell’1%, il Mezzogiorno nel 2015 registra il primo recupero del Pil dopo sette anni di cali ininterrotti. Una notizia incoraggiante che arriva in un momento di grande incertezza economico-finanziaria, soprattutto se si guarda sul fronte lavoro dove il recupero in termini di occupazione è più che doppio rispetto alla media nazionale. E’ quanto emerge dalla stima preliminare del Pil e dell’occupazione a livello territoriale diffusa oggi dall’Istat.

Come si spiegano questi dati? Secondo l’istituto nazionale di statistica, la ripresa del Mezzogiorno ha risentito in positivo della “considerevole” crescita registrata dal valore aggiunto nel comparto agricolo (+7,3%), ma “incrementi di un certo rilievo si osservano anche in quello del commercio, pubblici esercizi, trasporti, telecomunicazioni (+2,6%) e nelle costruzioni (+1,4%)”. L’industria in senso stretto segna invece, sottolinea l’Istituto, “una variazione quasi nulla, mentre il settore dei servizi finanziari, immobiliari e professionali è l’unico a presentare un calo (-0,6%)”.

Per il ministro del Lavoro Giuliano Poletti si tratta di dati “che infondono speranza e che vogliamo consolidare con le riforme. È una conferma che nel 2015 l’economia e l’occupazione hanno ripreso a crescere dopo lunghi anni di crisi“.

Per quanto riguarda le altre aree, il Pil è cresciuto dell’1% nel Nord-Ovest e in linea con il dato nazionale nel Nord-Est, trainato in entrambe le aree dall’industria in senso stretto, e dello 0,2% nel Centro.

Esprime soddisfazione anche il presidente dei deputati del Partito democratico, Ettore Rosato, che parla di “inversione di rotta” per il Mezzogiorno. “Dietro questi numeri – sottolinea su Facebook – c’è una speranza per il futuro del Sud e dell’Italia”.

Mentre l’esponente della segreteria nazionale del Pd Ernesto Carbone pone l’accento sull’efficacia delle riforme del governo: “il Jobs act per primo e più in generale le misure destinate dall’esecutivo al Mezzogiorno. Significa che la ripresa del Paese – continua il deputato dem – non solo interessa anche il Sud ma che passa proprio dal Sud”.

Vedi anche

Altri articoli