Il sito d’incontri Ashley Madison sotto attacco hacker: svelati milioni di adulteri

Internet
ashley-madison

Il sito vanta circa 37 milioni di iscritti in 46 paesi nel mondo

Nel 2008 Ewan McGregor, nel film Sex List con Hugh Jackman e Michelle Williams, interpretava un giovane contabile che veniva in contatto con un mondo di lusso dove rampanti manager, troppo impegnati con il lavoro per dedicarsi alle relazioni sentimentali, lo avevano introdotto in club esclusivo di incontri sessuali. Un circolo riservato a uomini e donne di successo in cerca di divertimento senza impegni e con il massimo della riservatezza.

Da quel film sono passati solo sette anni ma molte cose sono cambiate. Internet e gli smartphone hanno stravolto il modo con cui le persone comunicano e si conoscono. Un esempio è il sito di incontri Ashley Madison, un network con base in Canada che permette a persone impegnate o sposate di concedersi la propria avventura in assoluta riservatezza.

Peccato però che il mese scorso il sistema sia stato violato insieme alla privacy dei suoi abbonati. A mettere a segno il colpo sarebbe stato un gruppo di hacker che si fa chiamare “The Impact Team”. Il gruppo aveva già messo in difficoltà la società canadese mettendo online i primi dati un mese fa, insieme alla minaccia di pubblicare il resto se non venissero chiuse tutte le piattaforme collegate al gruppo.  Cioè Established Man e Cougar Life, altre due piattaforme d’incontro, oltre alla principale ashleymadison.com.

Ora altri dati personali sono stati pubblicati sul cosiddetto ‘darkweb’, la rete internet più segreta e inaccessibile usata da pirati informatici e criminali. Per capire la mole di informazioni di cui stiamo parlando basti pensare al fatto che il sito vanta circa 37 milioni di iscritti in 46 paesi nel mondo. Una cifra da capogiro raccolta nei 10 gigabyte trafugati e che includono nomi degli utenti, indirizzi email, password e perfino dettagli bancari usati per il pagamento della quota di iscrizione.

Vedi anche

Altri articoli